Giugliano, il Pd: “Presto un’assemblea pubblica su sicurezza e legalità”

Giugliano, il Pd: “Presto un’assemblea pubblica su sicurezza e legalità”

Gli esponenti “dem” si sono riuniti presso la metropolitana abbandonata nel degrado in via Colonne. Il consigliere Castaldo: “Politiche sociali e videosorveglianza


Gli esponenti “dem” si sono riuniti presso la metropolitana abbandonata nel degrado in via Colonne. Il consigliere Castaldo: “Politiche sociali e videosorveglianza per sconfiggere la criminalità”

GIUGLIANO – Si è tenuta stamani una conferenza stampa organizzata dal Pd nell’area antistante la stazione della metropolitana di Giugliano. La scelta del luogo – hanno fatto sapere – è stata fortemente simbolica: quella che doveva essere un’opportunità di rilancio e sviluppo del territorio, si è trasformata invece in una stazione abbandonata nel degrado.

I temi al centro del dibattito sono stati sicurezza e legalità. All’iniziativa erano presenti i consiglieri Nicola Pirozzi (capogruppo), Francesco Guardascione, Adriano Castaldo, il commissario vicario Raffaele Pacilio, esponenti del direttivo come Vincenzo Magliolia, Giuseppe Ferraro, Gaetano Coppola ed altri iscritti al partito.

11215065_10208470275499940_5526909423282777216_nL’incontro con la stampa di stamani è il primo di una serie di eventi che porteranno i dem giuglianesi verso il congresso. Il prossimo evento sarà un’assemblea pubblica sulla sicurezza cittadina, dopo la preoccupante escalation di episodi criminali, durante la quale i cittadini avranno l’opportunità di confrontarsi con il gruppo consiliare. Le istanze verranno poi portate in consiglio comunale durante la seduta del 30 novembre.

“Abbiamo ritenuto opportuno iniziare dalla metropolitana di via Colonne accogliendo una sfida, – ha detto il consigliere Adriano Castaldo – visto che questa è la cosiddetta periferia a ridosso del centro: zona diventata simbolo del degrado e da cui bisogna ripartire. Ho proposto personalmente di concentrare l’evento su questa zona dove sono anche residente. Il tema della sicurezza deve essere affrontato finalmente in maniera seria. Giugliano vive in uno stato che definisco comatoso”.

Il consigliere ha spiegato poi che questo vuole essere un momento di sano confronto. “La nostra non è una sterile accusa ma vuole essere un momento di proposta. – ha sottolineato ancora Castaldo – Credo che il primo punto fondamentale possa essere quello di andare a creare una sinergia tra il pubblico e privato. Giugliano ormai è una città e deve prevedere una sistema di videosorveglianza all’altezza. Abbiamo anche un nostro concittadino, Giuliano Russo, che è presidente dell’Osservatorio Nazionale per la Sicurezza e la Videosorveglianza. Ritengo che attraverso la sinergia tra tecnologie avanzate e le forze dell’ordine si possano ottenere grandi risultati”.

“Riguardo all’aumento di forze dell’ordine – ha aggiunto il giovane esponente del Pd –  potrebbero poi intervenire i deputati locali, magari chiedendo una deroga al Patto di Stabilità. Poi c’è un altro aspetto educativo e formativo. Con il lavoro di forze politiche, istituzioni e mondo dell’associazionismo si devono creare delle occasioni di riscatto sociale e di formazione, soprattutto per i giovani. Anche le politiche sociali, quindi, devono lavorare parallelamente al tema della sicurezza.”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il vice-commissario del circolo locale. “La scelta del posto è molto simbolica. – ha dichiarato Raffaele Pacilio – E’ un luogo di degrado, abbandono e rappresenta ancora una volta un fallimento della nostra città. Abbiamo deciso di ripartire da qui per fare una proposta perchè la protesta non porta a nulla. Ascolteremo le preoccupazioni, i timori e le ansie dei cittadini e le porteremo all’amministrazione. Sicurezza e legalità sono temi che abbiamo già sostenuto con forza e continueremo a farlo nel percorso amministrativo”.