Muore Vincenzo Mastellone. Sulla sua ditta l’ombra del clan Mallardo

Muore Vincenzo Mastellone. Sulla sua ditta l’ombra del clan Mallardo

Il 51enne è stato stroncato da un infarto. Era presidente del PAF. Si dichiarò estraneo alle accuse che lo volevano vicino ad


Il 51enne è stato stroncato da un infarto. Era presidente del PAF. Si dichiarò estraneo alle accuse che lo volevano vicino ad esponenti della criminalità organizzata

GIUGLIANO – E’ morto Vincenzo Di Maio Mastellone. 51enne, di Giugliano, era presidente del Paf (Pubblica Assistenza Flegrea), la società che gestisce il servizio di ambulanze per la sanità campana. Inutile la corsa a “La Schiana” di Pozzuoli. Mastellone muore stroncato da un arresto cardiaco. Lascia moglie e due figli.

Le accuse. Mastellone era finito al centro di un’inchiesta giudiziaria che ha avuto il suo apice nel settembre scorso, quando un dossier del Ministero dell’Interno inviato alla Prefettura di Napoli ha scoperchiato un quadro agghiacciante sulla gestione del servizio del trasporto d’urgenza in Campania, di cui circa il 95 % sarebbe gestito indirettamente dai Mallardo di Giugliano e dal clan dei Casalesi.

La stessa Paf, di cui Mastellone era presidente, fu colpita da interdittiva antimafia. Sempre a settembre i suoi uffici sono stati perquisiti dalla Guardia di Finanza. L’interdittiva mandò le ASL di Napoli Nord e Sud nel caos completo. Le dirigenze ospedaliere sono state costrette a revocare le convenzioni e gli appalti assegnati alla Paf e a indire affidamenti d’urgenza.

le frequentazioni. Nell’occhio del ciclone finirono anche le frequentazioni del presidente Mastellone con personaggi della malavita locale. Il presidente però si dichiarò estraneo alla vicenda che vide coinvolta la sua ditta e presentò ricorso al Consiglio di Stato contro l’interdittiva.

LEGGI ANCHE:

DOSSIER CHOC: AMBULANZE IN MANO AI MALLARDO