Piu Europa, cittadini dal dirigente per chiedere spiegazioni: “ricordiamo solo la sua risata”

Piu Europa, cittadini dal dirigente per chiedere spiegazioni: “ricordiamo solo la sua risata”

Riceviamo e pubblichiamo lo scritto dell’avv. Alberto Pellegrino riferito ad un incontro tenutosi ieri al comune tra residenti del centro storico e


Riceviamo e pubblichiamo lo scritto dell’avv. Alberto Pellegrino riferito ad un incontro tenutosi ieri al comune tra residenti del centro storico e il dirigente Serpico. “Esiste una netta distanza tra l’amministrazione e il cittadino”

GIUGLIANO – Esiste una distanza tra l’amministrazione ed il cittadino, una distanza che va colmata con la calma, l’educazione ed il buon senso; ma non qui, non a Giugliano. C’è un vicolo nel cuore di questa cittadina che vive e brulica di persone perchè ci abitano tante famiglie e ci sono vari esercizi commerciali. Ebbene tutta la zona, tra l’altro contrariamente a quanto previsto dagli stessi avvisi del Comune (leggendo l’avviso si capiva tutt’altro), da stamattina è totalmente inibita al transito veicolare.

Questa totale inibizione non ha né un inizio né una fine (data l’affidabilità degli stessi avvisi del comune) e potrebbe portare al collasso il commercio (solo il supermercato dà lavoro a 18 famiglie e non può rifornirsi) ed essere pericolosissima per gli abitanti (prendiamo ad esempio la possibilità che uno di questi subisca un malore).

Ieri mattina alcuni cittadini, tra i quali mia madre, legittimamente, con la calma, l’educazione ed il buon senso di cui sopra, si sono recati dal responsabile, ing. Serpico a portare tutte le loro – le nostre – rimostranze circa i provvedimenti che sono stati adottati per eseguire i lavori. Chiedendo di disporre percorsi alternativi, di imporre un lavoro più serrato (in Europa si lavora giorno e notte) e più breve; insomma chiedendo all’amministrazione di indorare ragionevolmente la pillola.

Tornando a casa tutti i cittadini della zona parlavano della stessa cosa…della risata del “responsabile” Serpico. A tutti, a tutti i presenti non è rimasto impresso null’altro che quella risata. Evidentemente le parole poco contano in questa città, quel che è certo è che quella distanza tra l’amministrazione ed il cittadino esiste ed è netta. Non vi è nulla di politico (inteso nel senso di politica locale) in questa affermazione, ma c’è la rabbia per la mancanza di volontà di cambiare le cose.

La rabbia di veder tornare a casa delle persone perbene con la testa tra le spalle perché gli è stata consegnata una risata.Non ho peli sulla lingua e vi dico che la risata è un gesto che aldilà della ilarità può essere molto grave, un gesto che mostra disinteresse, distacco, maleducazione.

Un gesto che tutto il nostro microcosmo, la nostra comunità, ha visto come un’arroganza inutile, bieca, inelegante, gretta, malsana e non meritata.Esiste una distanza tra l’amministrazione ed il cittadino, una distanza che va colmata con la calma, l’educazione ed il buon senso; ma non qui, non a Giugliano; a Giugliano i buoni sono quelli che prendono a calci nel culo le persone.

Alberto Pellegrino