Qualiano “in corsa”, grande successo per la XII edizione di “Corri Per La Pace”

Qualiano “in corsa”, grande successo per la XII edizione di “Corri Per La Pace”

L’immigrazione è stato il tema scelto quest’anno. A tagliare il traguardo il marocchino Hamid Kadiri QUALIANO – Quando sport e sociale si


L’immigrazione è stato il tema scelto quest’anno. A tagliare il traguardo il marocchino Hamid Kadiri

QUALIANO – Quando sport e sociale si incontrano. Qualiano invasa da 800 atleti festanti, intervenuti da ogni parte della regione ed oltre, per la dodicesima edizione di “Corri per la Pace” gara podistica sulla distanza dei 10 km. Un successo, sotto tutti i punti di vista, soprattutto se si considera che, in contemporanea il calendario offriva altre tre gare, tutte di notevole importanza. La gara è stata organizzata e voluta fortemente dalla società “Atletica Qualiano” presieduta dall’instancabile Stefano Sgariglia coadiuvato da tutto lo staff e dal Comune di Qualiano che ha offerto il proprio patrocinio. Come ogni anno gli organizzatori hanno voluto dare un tema sociale all’evento. L’immigrazione era quello scelto per questa edizione.

IL PODIO. L’intero podio è stato occupato da atleti nord africani. Primo al traguardo il marocchino Hamid Kadiri col tempo di 31.05, a seguire il connazionale Abdelohuab El Mouaddine col tempo di 32.07 e, a completare il podio, Marek Hadam che ha percorso i 10 km in 32.46. Quarto il bacolese Raffaele di Puorto a 6 secondi. La gara si sviluppava su di un percorso cittadino prevalentemente pianeggiante, di 5 km da ripetere due volte. Per le donne vittoria senza sorprese grazie alla prestazione di Siham Laaraichi , favorita della vigilia, che ha stravinto col tempo di 36 13, precedendo Loredano Brusciano in 38.43 e Magdalena Vlad terza in 40.42. Per le società la vittoria è andata all’Atletica Frattese che ha prevalso sul Laghetto.

IL CONVEGNO. Vemtiquattrore prima dell’evento si è svolto, nelle aule della sala consiliare del comune di Qualiano, un convegno dedicato all’immigrazione e all’integrazione tra i popoli al quale sono intervenuti, tra gli altri , il Vescovo di Aversa Monsignor Angelo Spinillo, il Direttore della Caritas diocesana Carmine Schiavone, oltre naturalmente al sindaco Ludovico De Luca e all’Assessore allo sport Venturino Cerqua. Perfetta l’organizzazione anche grazie alla presenza di numerosi volontari, forze dell’ordine e ad una giornata splendente dal clima primaverile.