Granata, Svolta a sinistra: “Serve un congresso che faccia chiarezza nel PD cittadino”

Granata, Svolta a sinistra: “Serve un congresso che faccia chiarezza nel PD cittadino”

“In consiglio comunale restiamo all’opposizione, la strada scelta dal sindaco al momento è diversa dalla nostra” GIUGLIANO – Svolta a sinistra, la


“In consiglio comunale restiamo all’opposizione, la strada scelta dal sindaco al momento è diversa dalla nostra”

GIUGLIANO – Svolta a sinistra, la corrente interna al PD nata ufficialmente nel corso del mese di novembre, prosegue la sua azione politica nonostante le travagliate vicende del partito cittadino. Proprio a tal proposito si esprime Crescenzo Granata, componente del coordinamento della corrente: “Siamo in una fase di osservazione sulle vicende interne al partito che vive una fase delicata, il commissariamento non è abusivo, come è stato definito da qualcuno, ma non si può negare che c’è stato un difetto procedurale. Di sicuro, sono cose che non fanno bene al PD. Auspichiamo tutti un congresso che faccia chiarezza e stabilizzi il direttivo, la cittadinanza oramai guarda con perplessità al partito ed aspetta proposte nuove che ci permettano di superare l’attuale frammentazione e le troppe incomprensioni”.

L’architetto Granata ci precisa anche cosa è, di fatto, Svolta a sinistra: “Siamo soprattutto un laboratorio politico, interno al PD ma aperto a tutti, senza riunioni in segrete stanze del potere, dove in un clima di confronto costruttivo tra idee diverse proviamo a proporre un PD nuovo, leale e con una gestione del circolo cittadino unitaria, visto che i tanti individualismi ci fanno anche perdere forza nei tavoli provinciali e regionali”.

A Giugliano, però, oltre ad un discusso commissariamento si vive anche il paradosso di un’amministrazione che vede il PD all’opposizione di un sindaco che ne aveva vinto le primarie ed ora governa da avversario politico: “Siamo comunque il primo partito di Giugliano, Poziello è riuscito ad aggregare una coalizione che gli ha permesso di vincere e noi restiamo all’opposizione come è giusto che sia. Un’opposizione che deve essere concreta, ma fatta anche di proposte e – ove possibile – collaborazione su idee condivise con la giunta. Poi se Poziello abbia o meno intenzione di ritornare nel PD non posso saperlo, qualora ne maturassero le condizioni, e nel rispetto delle regole statutarie, ben venga: siamo aperti a tutti, ma ad oggi abbiamo fatto scelte diverse che vanno rispettate, noi andiamo avanti per la nostra strada”.