Aspiranti avvocati, esame-lotteria in locali pericolanti. 4717 i partecipanti

Aspiranti avvocati, esame-lotteria in locali pericolanti. 4717 i partecipanti

Criteri di correzione poco chiari, che portano ad un 20% di promossi tra i concorrenti a Fuorigrotta, nonostante la scuola napoletana sia tra le più rinomate. Probabile la presenza di un inviato de Le Iene


NAPOLI – Come tutti gli anni, alle soglie delle festività natalizie, presso la Mostra d’oltremare si sono tenuti gli esami per l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato; ben 4.717 aspiranti legali, provenienti da gran parte della Campania, per tre giorni a partire da martedì, si sono riversati presso i locali di piazzale Tecchio sin dalle prime luci dell’alba, per sostenere tre diverse prove nelle materie forensi.

Dalle prime impressioni, la maggior parte dei candidati avrebbe risolto, senza particolare affanno le, seppur impegnative, tracce d’esame. Gli esaminandi, tuttavia, lamentano le pessime condizioni in cui si sono svolte le prove, rese difficoltose sotto il profilo fisico prima che mentale: difatti riferiscono di lunghe file per l’accesso ai varchi, anche agli ingressi riservati ai portatori di disabilità; inoltre i candidati descrivono code interminabili per l’utilizzo dei pochi servizi igienici presenti e del pessimo stato di funzionamento ed igiene degli stessi, nonché delle bassissime temperature dei locali, apparsi in generale non idonei a garantire un livello di accoglienza adeguato ad una prova così delicata ed importante, fra polvere di intonaco in caduta e sistemi di areazione non funzionanti, oltre che pericolanti, al punto da rendere necessario l’intervento dei vigili del fuoco per verificare lo stato di una tubazione aerea, il tutto condito dalla voce circolata nei padiglioni (non ancora confermata) della presenza di un inviato della trasmissione “Le Iene” infiltratosi fra i candidati.

Tuttavia le doglianze principali riguardano la fase di correzione degli elaborati, che per i candidati napoletani viene svolta, ad anni alterni, dalle commissioni di Milano e Roma. La percentuale di promossi negli ultimi anni rasenta il 20%, circostanza strana considerato che la media nazionale è nettamente più elevata e soprattutto tenendo conto che la scuola forense Napoletana è, da sempre, considerata fra le più prestigiose del mondo. I futuri avvocati riferiscono di criteri di correzione incomprensibili e poco chiari, fra bocciature assurde e valutazioni differenti per compiti dal contenuto del tutto similare accompagnate della totale assenza di motivazioni, al punto da far sorgere il dubbio che la discriminante fra chi sarà avvocato e chi dovrà affrontare nuovamente le tre prove d’esame consista in un mero colpo di fortuna. E così, ognuno dei 4717 aspiranti avvocati, dovrà attendere i mesi estivi per sapere se quest’anno “la fortuna” gli avrà sorriso oppure se dovrà nuovamente partecipare alla lotteria natalizia di Fuorigrotta, sperando in miglior sorte.

Di Giovanni Palma

FOTO: ilmattino.it