Caso Jambo: caccia all’ultimo latitante

Caso Jambo: caccia all’ultimo latitante

All’appello manca ancora un indagato: si tratta di un ex vigile urbano che avrebbe fatto da autista ad alcuni uomini del clan


TRENTOLA DUCENTA – Dopo che nella giornata di sabato l’ex sindaco di Trentola Michele Griffo si è presentato al carcere di Santa Maria Capua Vetere, tra gli indagati del caso Jambo un solo nome manca all’appello: quello di Vincenzo Picone.

Picone è l’ex vigile urbano del comune di Trentola e fratello dell’assessore Nicola Picone che è anche lui coinvolto nelle indagini. Su di lui pende l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e secondo la ricostruzione di alcuni pentiti, Vincenzo Picone sarebbe stato un uomo molto vicino al capo-zona Dario De Simone.

In più di un’occasione Picone avrebbe fatto da autista agli uomini del clan per accompagnarli ad alcuni summit di camorra.

LEGGI ANCHE:

Operazione Jambo, acciuffato l’imprenditore Alessandro Falco

Blitz ai Casalesi, sequestrato il Jambo

Jambo, il centro commerciale nelle mani della camorra

Operazione Jambo, interviene anche la Bindi

Le mani di Zagaria sul Jambo

Operazione Jambo, il sindaco latitante già accusato da Iovine nel 2014

Jambo, quei terreni venduti a Zagaria sotto pressione del clan

Operazione Jambo, si costituisce Balivo. Ora tocca a Griffo

L’ipotesi: Michele Griffo ricoverato in una clinica svizzera

A Trentola arriva la commissione d’accesso