È un Natale all’insegna della tradizione: cresce la spesa per il cibo soprattutto al Sud

È un Natale all’insegna della tradizione: cresce la spesa per il cibo soprattutto al Sud

Quest’anno le tavole sono imbandite by Made in Italy, stravince la tradizione con portate semplici e “caserecce”


NATALE – Quest’anno ci saranno tavole imbandite by Made in Italy, stravince la tradizione con portate semplici e “caserecce”, e i colori delle portate che regneranno sono tre, quelli della bandiera. Le ostriche, lo champagne e i frutti esotici daranno spazio alle tipicità locali : ragù, bollito, tortellini di brodo, dolci artigianali.
Secondo un’indagine Federconsumatori, il settore food è quello che quest’anno crescerà di più, con un budget in aumento del 3,6%. Secondo alcuni dati, la spesa per cena della vigilia e pranzo di Natale può arrivare anche fino a 300 euro, mentre per le bevande (alcoliche e non) si aggira attorno ai 100 euro.
 
A spendere di più saranno i nuclei del Mezzogiorno (118) dove è concentrato molto più spirito di festeggiamenti natalizi, a spendere di meno le famiglie del Nord, complessivamente di 83. La grande maggioranza degli italiani (l’82%) passerrà il 24 ed il 25 dicembre a casa o presso parenti e amici; 4,7 milioni invece, il 10%, faranno il cenone fuori dalle mura domestiche: si tratta del dato più alto dal 2008, primo anno di crisi.
 
Ad aumentare sono soprattutto quanti festeggeranno al ristorante, il 5%, cioè più di 2,3 milioni, il doppio rispetto al Natale passato. Quasi la stessa percentuale di persone dell’anno scorso festeggerà invece in vacanza: il 3% (1,4 milioni) in Italia, il 2% (900mila persone) all’estero. Un altro 2% di italiani invece trascorrerà le feste di Natale al lavoro per assicurare servizi essenziali.
 
Dopo questi piccoli consigli, che speriamo possano aiutarvi a sentire al passo con la moda, speriamo di avervi rassicurato su come deliziare il vostro palato, non resta che augurarvi un Buon Natale e lasciarvi ai preparativi per il pranzo di oggi.