Falso Made in Italy, sequestrati prodotti cinesi diretti agli outlet

Falso Made in Italy, sequestrati prodotti cinesi diretti agli outlet

Operazione della Guardia di Finanza di Roma. Nei guai un insospettabile napoletano


HINTERLAND – Colpo all’industria del falso, oltre 522.000 capi di abbigliamento sequestrati dalle Fiamme Gialle. Avevano l’etichetta “Antica sartoria napoletana” ma erano prodotti in Cina.

L’operazione è stata denominata “True Made” ed è stata eseguita dai militari della Guardia di Finanza di Roma. L’indagine della Procura di Civitavecchia ha fatto scattare infatti i controlli allo scalo merci dell’aeroporto di Fiumicino. Il tutto è riconducibile ad una nota griffe d’alta moda per uomo. Si tratta di  maglioni, pullover, camicie, smanicati, cravatte, guanti, foulard e cinture invece prodotti in Cina.

Il quadro investigativo si è poi consolidato grazie alle perquisizioni locali eseguite, con la collaborazione dei Comandi Provinciali competenti per territorio, nei punti vendita di Napoli, Ischia, Roma, San Cesareo (Roma) e Bologna, nonché presso i famosi outlet di Valmontone (Roma) e Marcianise (Caserta), nel centro di distribuzione di Nola e nella sede legale e amministrativa della società riconducibile a un insospettabile napoletano, che dovrà rispondere dell’introduzione e della vendita di prodotti industriali con segni mendaci.

LEGGI ANCHE:

IL VIDEO DELL’OPERAZIONE