Giugliano, la denuncia del M5S: rischio incompatibilità per 10 consiglieri, sindaco ed assessore

Giugliano, la denuncia del M5S: rischio incompatibilità per 10 consiglieri, sindaco ed assessore

I pentastellati avrebbero riscontato “debiti o contenziosi, anche molto gravi” con il Comune. Altri casi potrebbero scoppiare per le demolizioni. La denuncia sul blog di Beppe Grillo


GIUGLIANO – Il M5S fa tremare ancora una volta il palazzo comunale. Una nuova bufera è pronta infatti ad abbattersi sulla politica giuglianese: 10 consiglieri comunali, un assessore ed il sindaco, secondo i pentastellati locali rischierebbero l’incompatibilità per presunti debiti verso l’ente.

Si tratta di Giuseppe Di Girolamo, Adriano Castaldo, Francesco Carlea, Aniello Cecere, Paolo Liccardo, Luigi Guarino, Agostino Palumbo, Cristoforo Tartarone, Raffaele Migliaccio, Andrea Guarino, l’assessore Carla Rimoli ed appunto il sindaco Antonio Poziello. Coinvolti dunque esponenti sia di maggioranza che di opposizione.

Ma non è finita qui. Secondo i grillini locali, infatti, altri casi sarebbero in arrivo per le ordinanze di demolizione.

La denuncia del Movimento 5 Stelle di Giugliano è arrivata oggi attraverso il blog di Beppe Grillo:

Ecco il testo:

“Continua l’operazione “FIATO SUL COLLO” del Movimento 5 Stelle sulla amministrazione comunale a Giugliano in Campania.

In attesa che il TAR della Campania di pronunci sul ricorso per irregolarità delle procedure elettorali, previsto per il 26 gennaio 2016, emergono nuove e gravi violazioni delle procedure previste dalla Legge.

La normativa prevede che, tutti gli amministratori pubblici siano tenuti a dichiarare se hanno in essere debiti o contenziosi con l’Istituzione che si accingono ad amministrare, l’esistenza di tali debiti rappresenta un evento ostativo al ruolo di amministratore pubblico, come previsto dal Testo Unico degli Enti Locali.

E’ prassi di ogni consiglio comunale di “certificare” le dichiarazioni dei singoli eletti prima di ogni tipo di esercizio del mandato.

A seguito di un’indagine degli attivisti del movimento 5 stelle di Giugliano in Campania, è stato scoperto che molti consiglieri di maggioranza, ed alcuni di opposizione, si trovano nella condizione di avere debiti o contenziosi, anche molto gravi, con il Comune che amministrano.

La totalità di questi consiglieri ha auto-certificato la non sussistenza di questi ostacoli previsti dalla Legge. Queste dichiarazioni, risultate false, configurano a carico di questi consiglieri, sindaco compreso, delle gravi violazioni al Codice Penale. (art.483 c.p.)

E’ ora che tutti i cittadini si rendano conto che a Giugliano in Campania la legalità non può continuare ad essere ritenuta un optional, ed in attesa che le Forze dell’Ordine e la Magistratura svolgano puntualmente tutte le operazioni previste e dovute, chiediamo alla cittadinanza tutta di pretendere che le persone a cui hanno affidato il proprio voto, rendano conto pubblicamente delle proprie azioni che porteranno, nuovamente, il nostro comune a vincere l’Oscar per l’illegalità.

Abbiamo evitato le riprese della finction Gomorra sul territorio Giuglianese, ma dubitiamo che gli autori di questo prodotto cinematografico avrebbero avuto sufficiente fantasia per avvicinarsi, anche lontanamente, alla realtà”.