San Giuliano, a rischio chiusura la gastroenterologia. Guardascione: “Difendiamo l’ospedale”

San Giuliano, a rischio chiusura la gastroenterologia. Guardascione: “Difendiamo l’ospedale”

In consiglio passa all’unanimità il provvedimento della terza commissione sul nosocomio giuglianese. Maggioranza e opposizione compatte sulla salvaguardia della struttura


GIUGLIANO – Atmosfera serena nell’ultimo consiglio comunale dell’anno. Ieri, in una sala consiliare che registrava molte assenze, è passata la proposta della terza commissione consiliare sulla difesa dell’ospedale San Giuliano. All’unanimità, maggioranza e opposizione hanno detto sì al provvedimento che dovrebbe stimolare le istituzioni sanitarie ad accelerare il completamento dei lavori del Pronto Soccorso e contrastare la delocalizzazione di molti reparti sanitari. Tra i fantasmi da esorcizzare anche la chiusura del reparto di gastroenterologia, da trent’anni fiore all’occhiello del nosocomio giuglianese. La consigliera Antonietta Russo in una nota ha annunciato la probabile chiusura del reparto per il prossimo gennaio.

“In maniera compatta il consiglio prende atto della necessità di difendere il presidio sanitario cittadino – ha dichiarato a Il Meridiano News Francesco Guardascione, consigliere PD – Questa città merita tanto per dimensioni territoriali e demografiche. Nel corso degli anni siamo stati privati del tribunale, poi dell’Università. Cerchiamo di non perdere anche l’ospedale. Abbiamo distrutto la possibilità di fare una zona ospedaliera con la costruzione di un ‘area parcheggio e di una struttura per gli uffici di Equitalia, almeno difendiamoci quello che abbiamo”. Quanto alle soluzioni da mettere in campo, il medico ha poi chiosato: “Occorre mettere in atto tutti i rimedi istituzionali praticabili per difendere l’ospedale, come la conferenza dei sindaci. Dobbiamo lavorare perché il nosocomio si arricchisca di nuove professionalità e specialità in un’ottica di programmazione.”

LEGGI ANCHE:

COMPLETAMENTO PRONTO SOCCORSO E RIAPERTURA PSAUT, LA PROPOSTA DELLA TERZA COMMISSIONE