Sequestrati 2 milioni di beni ad un uomo dei Mallardo

Sequestrati 2 milioni di beni ad un uomo dei Mallardo

Tra i beni confiscati, oltre ad appartamenti e terreni, anche un negozio di abbigliamento situato a Marano


NAPOLI – A seguito di una lunga indagine patrimoniale, finalizzata a indebolire i patrimoni della mafia e della camorra, gli agenti della Polizia di Stato hanno concretizzato il mandato di sequestro emesso dalla Procura di Napoli ai danni di Salvatore Zinzi, 64 anni.

Zinzi è stato condannato ad otto anni di reclusione con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, secondo gli inquirenti sarebbe legato al gruppo denominato “Alleanza di Secondigliano”, ovvero il sodalizio criminale promosso dalle famiglie Contini e Licciardi.

Dalle indagini è emerso il ruolo chiave raggiunto da Zanzi all’interno dell’organizzazione criminale: l’imprenditore forniva una valvola di sfogo al clan per smerciare merce rubata o contraffatta (specialmente capi d’abbigliamento), sfruttando anche l’ausilio di suo fratello Pasquale.

A Zinzi sono sono stati sequestrati beni per l’ammontare di circa 2 milioni di euro tra cui case e terreni a Ischia, un’autorimessa e un negozio d’abbigliamento nel territorio di Marano.