Sindaco latitante, rivelazione choc del pentito: “Sapeva delle indagini”

Sindaco latitante, rivelazione choc del pentito: “Sapeva delle indagini”

Una preoccupante fuga di notizie ha permesso a Michele Griffo di scampare la blitz della Dda


TRENTOLA DUCENTA – Una fuga di notizie che gli ha permesso di fuggire. Un retroscena inquietante intorno alla latitanza del sindaco di Trentola Ducenta Michele Griffo, sulla cui testa pende un’ordinanza di custodia cautelare per concorso esterno in associazione mafiosa.

Secondo le dichiarazioni del pentito Francesco Cantone, il sindaco sapeva già dal 2010 dell’indagine della DDA e per questo si fanno sempre più insistenti le voci di una talpa all’interno delle istituzioni. Dall’ordinanza emerge un quadro sempre più fitto intorno a questa oscura vicenda, preoccupa soprattuto la fuga di notizie intorno ad una delle più importanti operazioni antimafia degli ultimi tempi.

Grazie a questa soffiata Griffo è riuscito anche a scampare al blitz delle forze dell’ordine, già mercoledi sera l’ex sindaco – questa mattina è stato sospeso dal prefetto – si sarebbe allontanato dalla sua abitazione di Marano per dare inizio alla sua latitanza.

LEGGI ANCHE:

CENTRO COMMERCIALE USATO PER SUMMIT DI CAMORRA

IN FUGA IL SINDACO DI TRENTOLA. VIDEO

JAMBO, DA IPERMERCATO A CENTRO COMMERCIALE DELLA CAMORRA

OPERAZIONE JAMBO, INTERVIENE LA BINDI: “POLITICA COLLUSA”