Tonnellate di rifiuti tossici a ridosso dell’autostrada, sigilli ad un’area nel casertano

Tonnellate di rifiuti tossici a ridosso dell’autostrada, sigilli ad un’area nel casertano

La maxi-discarica abusiva è stata scoperta dalla Guardia di Finanza. All’interno della superficie di 11.400 mq nel corso degli anni era stato


La maxi-discarica abusiva è stata scoperta dalla Guardia di Finanza. All’interno della superficie di 11.400 mq nel corso degli anni era stato sversato di tutto in modo illecito

HINTERLAND – Sigilli ad una maxi-discarica abusiva. La Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise, nell’ambito di un servizio volto alla prevenzione ed alla repressione dei reati ambientali, ha sequestrato, nel Comune di Maddaloni, a ridosso dell’arteria autostradale, una superficie di oltre 11.400 mq. in uno stato di totale degrado ed adibita a discarica abusiva.

I finanzieri, a seguito di specifici sopralluoghi e rilievi fotografici, sono riusciti ad individuare la presenza di cumuli di rifiuti di ogni genere, che si propagavano anche nelle profondità del sottosuolo, ammassati su una strada chiusa al traffico e sui terreni ad essa adiacenti, risultati di proprietà della società Autostrade per l’Italia S.p.A..

foto 3 (1)La zona, non delimitata da idonea recinzione e difficilmente visibile a causa della fitta vegetazione, era cosparsa da decine di tonnellate di rifiuti, molti dei quali pericolosi e tossici, tra cui carcasse di autovetture, pannelli di eternit in frantumi, catrame, pneumatici, elettrodomestici fuori uso, materassi, materiale di risulta di demolizioni di strutture in cemento armato, recipienti di vernici e diluenti a composizione tossica.

Il materiale rinvenuto è stato probabilmente sversato nel corso degli anni, in modo illecito, allo scopo di evitare gli onerosi costi richiesti per il regolare smaltimento dello stesso nelle discariche autorizzate.

Questa prassi, invalsa nella Provincia di Caserta, oltre a deturpare gravemente il territorio provoca irreparabili contaminazioni nel sottosuolo con gravi conseguenze per la cittadinanza e danni alla salute pubblica. Per questo motivo, le Fiamme Gialle hanno sottoposto a sequestro l’intera area, segnalando la circostanza alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

L’attività di servizio nello specifico comparto testimonia, ancora una volta, l’impegno profuso costantemente dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.