Uccisero uno straniero: condannati un napoletano e un frattese

Uccisero uno straniero: condannati un napoletano e un frattese

La sentenza è stata emessa questa mattina dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere. L’omicidio è avvenuto nel 2014 a Villa Literno


capaldo nino
Nino Capaldo

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Nel pomeriggio di oggi, in Santa Maria Capua Vetere (Ce), a conclusione processo DE Filippis + 1, celebratosi presso la Corte d’Assise di S. Maria Capua Vetere, per l’omicidio e occultamento di cadavere del cittadino straniero identificato in Edokpa Gowin detto “Nokia”  avvenuto in Villa Literno (Ce) il 27 mag 2014, è stata emessa sentenza di condanna per la partecipazione in qualità di mandanti ed esecutori materiali nei confronti di De Filippis Giuseppe, nato Napoli il 01 gen 1972, alla pena dell’ergastolo, e Capaldo Nino nato Frattamaggiore (Na) il 25 lug 1966, alla pena di 15 anni di reclusione.

I due, entrambi affiliati al clan camorristico denominato “Gagliardi – Fragnoli” operante in Mondragone, in provincia di Caserta, erano stati tratti in arresto nell’ambito di attività di indagine della compagnia dei Carabinieri di Mondragone coordinata dai magistrati della DDA di Napoli, Antonio D’Amato (ora Procuratore Aggiunto presso la Procura di santa Maria Capua Vetere), e Alessandro D’Alessio.