Sant’Antimo, da scivolata a incidente mortale. Ecco come nasce una bufala

Sant’Antimo, da scivolata a incidente mortale. Ecco come nasce una bufala

I due ragazzi santantimesi coinvolti nel presunto incidente sulla via Appia stanno bene. Nessun ricovero al Cardarelli ma solo una segnalazione sbagliata che nessuno ha verificato


SANT’ANTIMO – La notizia era ghiotta, di quelle da migliaia di clic. Due ragazzi coinvolti in un incidente sulla via Appia in fin di vita. Entrambi ricoverati al Cardarelli di Napoli nel cuore della notte. La nostra redazione è stata contattata stamattina da un utente Facebook che ci ha segnalato questa notizia. Ci siamo subito attivati per verificarla.

La verifica. Il primo passaggio sono state le forze dell’ordine. I Carabinieri della Compagnia di Giugliano non ne sapevano nulla. Stessa cosa la Polizia di Stato e il Comando della Polizia Municipale. Siamo quindi passati ai nosocomi dell’hinterland. All’ospedale Cardarelli – indicato dal contatto Facebook come l’ospedale presso cui le due vittime sarebbero state ricoverate – non risultava nessun ricoverato rispondente al nome e alla descrizione delle due vittime. Di più: non risultava nessun ragazzo ricoverato per incidente automobilistico. Abbiamo cercato poi conferme presso l’ospedale San Giuliano, confidando nella possibilità che l’informatore avesse sbagliato ospedale. Ma, ahinoi, anche qui dell’incidente “fantasma” non sapevano niente.

trueLa notizia fantasma. Intanto, mentre ci affanavamo inutilmente a verificare la veridicità di quanto raccontatoci, la notizia “fantasma” circolava già in rete, pubblicata presso altre testate, seminando panico (e clic) nel cuore di centinaia di utenti di Facebook, santantimesi e non. Sulla bacheca dei due minori fioccavano decine di messaggi di stima e incoraggiamento da parte degli amici, in apprensione per le condizioni dei due centauri coinvolti nel misterioso incidente.

La verità. Poi la svolta. Sulla bacheca di una delle due “vittime” , compare un post. “Ragazzi tutto bene grazie a tutti per la preoccupazione: stiamo bene io e il mio amico. Hanno aggravato la situazione e non si sa chi sia stato”. Abbiamo tirato un respiro di sollievo e abbiamo contattato direttamente il ragazzo chiedendogli cosa fosse successo. In privato, ci ha spiegato che in compagnia del suo amico è scivolato dal motorino in via Grecia, a Sant’Antimo, verso le 9 di sera, per le condizioni del manto stradale. Una semplice scivolata a seguito della quale non hanno riportato alcuna ferita, ma solo tanto spavento. Della via Appia, del ricovero al Cardarelli, e dell’auto che avrebbe sbalzato i due ragazzi dalla sella del loro scooter non c’è traccia.

Bufala o scherzo? Non sappiamo se la notizia sia stata ingigantita e trasformata in bufala per un mostruoso passaparola, oppure per uno scherzo di cattivo gusto architettato da qualche amico, sappiamo però quanto sia importante verificare la fondatezza delle notizie e l’attendibilità delle proprie fonti. Non solo per una questione di correttezza deontologica (che già sarebbe sufficiente per chi svolge questa professione), ma soprattutto per rispetto di tutte quelle migliaia di lettori che ci leggono ogni giorno e confidano che quanto sia raccontato e riportato dalla nostra testata sia la pura e semplice verità dei fatti.