Ecovillaggio rom, individuato il terreno: quasi 30mila mq in zona Ponte Riccio

Ecovillaggio rom, individuato il terreno: quasi 30mila mq in zona Ponte Riccio

Il valore del terreno, su cui oggi sorge un pescheto, è di circa 400mila euro. Il locatario, un agricoltore giuglianese, è stato già avvisato della revoca del contratto


GIUGLIANO – Sembra cosa fatta, nonostante le dichiarazioni in consiglio comunale che lascerebbero ancora un velo di incertezza. Il terreno su cui dovrà sorgere il cosiddetto “Ecovillaggio” per i rom che attualmente vivono in un’area prima adibita a discarica sarebbe stato individuato, e tutte le procedure del caso sono state avviate.

Sul posto, che potete vedere dalle nostre foto in esclusiva, sono già stati effettuati alcuni sopralluoghi da parte dei tecnici della Regione Campania. Si tratta di un’area misurante 29600 metri quadri in località Ponte Riccio di proprietà comunale, precedentemente appartenuta alla famiglia di ricchi proprietari terrieri Palumbo ed acquistata dal municipio agli inizi del secolo scorso, cioè ai primi del ‘900.

Da molti anni quel terreno era concesso in fitto ad un colono giuglianese, cui sarebbe già stata comunicata la revoca del contratto. Attualmente sul terreno sorge un pescheto e – lungo i suoi confini – alcune abitazioni private. Il valore dell’area, che in termini di unità di misura agricola corrisponde a 7 moggi di terreno, si aggirerebbe intorno ai 400mila euro.

ecovillaggio 1 ecovillaggio

LEGGI ANCHE:

Nuovo campo Rom, De Luca: “Accordo simbolo”

Un ghetto da più di un milione di euro

Poziello: “Ci siamo assunti l’onere di risolvere”

Duro affondo del centrodestra. Cesaro: “Decidano i giuglianesi”

Le associazioni per i diritti dei rom contro l’ecovillaggio