Votazione caso per caso, niente incompatibilità per consiglieri, sindaco ed assessore

Votazione caso per caso, niente incompatibilità per consiglieri, sindaco ed assessore

Eco villaggio Rom, in aula anche Armando Cesaro: “Devono andare via da questo territorio”. Dalla maggioranza: “Basta populismo e demagogia, ci assumiamo le nostre responsabilità”


consiglio comunale giugliano

GIUGLIANO – Un consiglio comunale particolarmente atteso, quello che sta prendendo il via in questi minuti in un municipio blindato. Tre, infatti, le camionette della polizia che presidiano la casa comunale per prevenire eventuali tensioni legate al tema del giorno, la questione “eco villaggio” per i rom. Tutti presenti i consiglieri, c’è anche l’assessore Grauso.

polizia comune romLa seduta vedrà però come prologo la discussione sulle incompatibilità rinviata settimana scorsa, quando all’appello del presidente del consiglio comunale mancava il numero legale validare l’assise. In aula si accede solo dopo aver mostrato i documenti, la situazione resta però tranquilla e i presenti sugli spalti, al momento, sono in numero esiguo.

Aggiornamento ore 10:20

consiglio 1Il consiglio ha votato: “L’incompatibilità non sussiste”. Si è votato caso per caso per i 10 consiglieri, sindaco ed un assessore. La discussione era stata aperta dalla lettura da parte del presidente del consiglio Luigi Sequino della relazione preparata dalla segretaria generale Flores. Dopo la denuncia del M5S molti hanno infatti presentato ricevute di pagamento o rateizzazione del debito. I grillini sono usciti dall’aula e non hanno partecipato al voto. Palma aveva inviato a non votare “perché dopo potrebbero saltare fuori problemi più gravi”. Il consigliere pentastellato ha poi annunciato che continuerà ad approfondire la vicenda soprattutto per quanto riguarda le ordinanze di demolizione.

Frecciatina a Poziello da parte di Pirozzi (Pd): “Il sindaco, che già aveva un elemento di incompatibilità – riferendosi probabilmente al rinvio a giudizio – ha rateizzato poche ore dopo e questo non mi pare un atteggiamento giusto dal punto di visto morale. Si è comportato da furbetto del quartiere”.

Basile (FdI) ha chiesto che fosse ricordato l’eccidio delle foibe, a tal scopo è stato osservato un minuto di silenzio. Dopo l’approvazione del verbale relativo alla seduta precedente, si discuterà del punto più caldo: l’eco villaggio Rom. Qualche momento di tensione si è registrato quando vigili e polizia hanno impedito l’accesso in aula ad alcune persone.

Aggiornamento ore 11:50

consiglio 4L’attesa discussione sull’eco villaggio entra subito nel vivo con interventi accesi da parte del sindaco Poziello e dei consiglieri di opposizione. Per Anna Russo, Vincenzo Basile e Francesco Aprovitola si tratta di “un fallimento annunciato, da questa amministrazione solo chiacchiere per i cittadini e mancanza di dialogo con altre forze politiche” mentre il capogruppo di Forza Italia Alfonso Sequino annuncia l’intenzione di voler sottoporre il tema al giudizio popolare mediante referendum.

Dai banchi di maggioranza, invece, è Laura Poziello ad attaccare parlando di “demagogia e populismo da parte della minoranza, che fa leva su bisogni sociali e sentimenti.” La consigliera eletta tra le fila della lista Poziello sindaco ha poi ricordato l’ordinanza di sgombero ed il sequestro dell’attuale campo di Masseria de Pozzo: “Ancora una volta ci assumiamo responsabilità”.

consiglio 3Presente ad assistere alla seduta anche il capogruppo di FI in Regione Campania, Armando Cesaro: “Opto per una soluzione ancora più estrema proposta da consiglieri di Giugliano: non li vogliamo, devono andare via da questo territorio”.

LEGGI ANCHE: Poziello: “Tutti detestano i rom ma noi ci siamo assunti l’onere di risolvere”