Arresti e perquisizioni in tutta Italia, bloccata la banda delle carte di credito clonate

Arresti e perquisizioni in tutta Italia, bloccata la banda delle carte di credito clonate

Operazione de carabinieri nelle di province Caserta, Napoli, Avellino, Benevento e Milano. 26 persone sono finite in manette


CASERTA – Sgominata banda dedita alla clonazione di carte di credito. Nelle prime ore della mattinata odierna, i Carabinieri della Compagni di Caserta, coadiuvati da quelli territorialmente competenti e coordinati dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli, nelle province di Caserta, Napoli, Avellino, Benevento e Milano, stanno eseguendo 26 provvedimenti cautelari, nei confronti di altrettanti indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione, alla frode informatica e all’utilizzo indebito di titoli di pagamento.

I militari dell’Arma stanno altresì procedendo all’esecuzione di perquisizioni domiciliari e notifica dell’avviso di conclusione indagine nei confronti di ulteriori 19 indagati.

L’indagine ha consentito, tra l’altro, di individuare un sodalizio criminale, composto prevalentemente da cittadini italiani, dediti alla clonazione di carte di credito intestate a facoltosi soggetti stranieri, tramite siti internet illegali. Il giro è stimato intorno ai 2.5 milioni di euro.

La banda acquisiva i dati personali e delle carte di credito di ricchi cittadini stranieri, eseguiva le clonazioni con degli skimmer e poi eseguiva acquisti e transazioni on-line. I dati venivano reperiti attraverso siti internet illegali che fornivano loro i dati a pagamento. I principali responsabili delle clonazioni erano un italiano ed un cittadino delle Mauritius.