Caos Primarie Pd, Bassolino: “Disgustato”. De Luca ironico. Intanto la Procura apre un fascicolo

Caos Primarie Pd, Bassolino: “Disgustato”. De Luca ironico. Intanto la Procura apre un fascicolo

Continua la polemica dopo il video di Fanpage.it. De Magistris: “Squallore”. M5S: “Pd farebbe meglio a tacere invece di minacciare di querela i giornalisti”


NAPOLI –  La procura di Napoli ha aperto un fascicolo sulle circostanze emerse dal video di Fanpage.it sul voto per le primarie del PD in alcuni seggi. A quanto si è appreso, si tratta di una indagine conoscitiva in cui non si formulano per ora ipotesi di reato. Il fascicolo è affidato alla seconda sezione, che si occupa di reati contro la pubblica amministrazione, coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino. E’ probabile che tra gli atti preliminari vi sia l’acquisizione del video e delle successive notizie di stampa.

Antonio Bassolino, sconfitto da Valeria Valente, ha commento attraverso facebook: “”Sono disgustato dalle immagini del video di Fanpage.it ed anche dalle ridicole interpretazioni che ne sono state date. Questo mercimonio è una ferita profonda per tutti quelli che hanno creduto nelle primarie come libera partecipazione democratica”. A quanto pare Bassolino sarebbe pronto a presentare ricorso.

Ironico invece il presidente De Luca. “Sono ‘babbarie’ (termine che nel dialetto dell’agro nocerino sarnese sta ad indicare cosa di poco conto, ndr)”, taglia corto Vincenzo De Luca.

E a chi gli ha chiesto, a margine della cerimonia per l’ampliamento dell’asilo nido per i figli dei dipendenti regionali, del consigliere comunale di Napoli che (ripreso dal video) ha dato un euro ad un elettore, De Luca ha detto scherzosamente che “è forse ispirato particolarmente dal giubileo della misericordia”. “Al di là di qualche sbavatura che può sempre esserci – aggiunge De Luca – non mi pare che ci siano fatti clamorosi. E’ stato un evento democratico che si è svolto in un clima di ordine e tranquillità”.

Ci va giù duro invece il sindaco di Napoli. “È uno squallore, così si squalifica la politica. È una vergogna”, tuona Luigi de Magistris. Il primo cittadino, a margine di un’iniziativa per la Festa della donna, ha affermato che vedere quelle immagini gli ha portato alla mente “lo scandalo” primarie a Napoli del 2011, con il voto annullato dopo le polemiche legate alle accuse di brogli. “La mia candidatura a sindaco di cinque anni fa nacque dopo quello scandalo. In questi anni – ha aggiunto – il Pd ha avuto l’occasione di cancellare quelle pagine vergognose e invece questo video si commenta da solo”. Immagini che – evidenzia de Magistris – “non sono episodi isolati perché si ripropongono in diversi seggi”.

Il Movimento 5 Stelle esprime invece solidarietà ai giornalisti (minacciati di querela) che hanno realizzato il video.  “Vicinanza e solidarietà a tutta la redazione di Fanpage.it e ai cronisti Alessio Viscardi, Peppe Pace e Antonio Musella  che con le loro telecamere hanno documentato nitidamente i brogli alle primarie Pd a Napoli”. Così, in una nota, il gruppo del M5S in Consiglio regionale della Campania, esprime solidarietà ai cronisti che hanno documentato le irregolarità del voto alle primarie della scorsa domenica.

“E invece di provare vergogna, questi pseudo politici minacciano addirittura di querelare i giornalisti che hanno documentato le scandalose irregolarità che si sono verificate – aggiungono – E dire che sono immagini ‘solo’ di tre seggi, non osiamo immaginare cosa sia potuto accadere altrove”.

“E’ un quadro allarmante quello emerso dalle immagini di FanPage.it – proseguono i consiglieri regionali del M5S – i diretti interessati fanno spallucce e minimizzano spiegando che erano pochi spiccioli erogati come un atto di cortesia per poi scagliarsi contro i giornalisti di FanPage.it e intimidendoli brandendo la solita clava della querela”.