Uccide ladro a Villa Literno, Salvini: «Dispiace per il morto ma fino ad un certo punto»

Uccide ladro a Villa Literno, Salvini: «Dispiace per il morto ma fino ad un certo punto»

L’uomo ha ucciso uno dei ladri che si era introdotto a casa sua sparandolo dal balcone mentre gli stava rubando l’auto. Il leader della Lega si schiera a sua difesa


VILLA LITERNO – Erano entrati nella sua proprietà e stavano per rubargli l’auto quando il proprietario si è accorto della presenza dei tre ladri e ha reagito sparando e uccidendone uno (Leggi QUI). La moglie del proprietario dell’auto ha raccontato sotto shock che è l’ottavo furto che subisce la famiglia.

I coniugi hanno due figlie maggiorenni e un figlio di 16 anni. Ed è stata proprio una delle figlie a scoprire la presenza dei ladri, ha raccontato la donna: “Io, mio marito, l’altra mia figlia e mio figlio stavamo dormendo e non ci siamo accorti di nulla; eppure i ladri hanno rovistato nella stanza di mio figlio, si sono impossessati da un portafoglio di mille euro in contanti, delle chiavi della macchina e del telecomando del cancello automatico. Quando è tornata, mia figlia è stata affiancata da un’auto, quella probabilmente dei banditi, e ha notato che dal cancello di casa nostra stava uscendo l’auto del padre; ha capito che era in corso un furto, e con il cellulare ci ha avvisato”.

Secondo la ricostruzione fatta dalla donna è a quel punto che il marito ha preso la pistola ed è uscito sul balcone per sparare in direzione della sua auto.

«Sorprende i ladri in casa stanotte, spara e ne uccide uno. È successo a Villa Literno, nel casertano. Mi spiace per il morto, ma fino a un certo punto… Ora che non indaghino l’aggredito! La difesa è sempre legittima, anche se Renzi non è d’accordo. Mi date una mano a cambiare la legge?».