Boss dei casalesi catturato a Giugliano, festeggiava l’onomastico del figlio

Boss dei casalesi catturato a Giugliano, festeggiava l’onomastico del figlio

La casa dove si trovava Giuseppe Pellegrino era stata circondata dai carabinieri guidati dal capitano De Lise, che hanno utilizzato anche un elicottero


GIUGLIANO – Era latitante da alcuni mesi ma era tornato a casa per festeggiare l’onomastico del figlio Vincenzo. Giuseppe Pellegrino, 42enne ritenuto affiliato alla fazione Bidognetti del clan dei casalesi è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Giugliano, che per l’occasione si sono anche avvalsi di un elicottero proveniente da Pontecagnano.

Pellegrino ha provato a fuggire dalla casa a due piani dove i carabinieri lo hanno sorpreso, abbandonando dolci e bottiglie di spumante proprio nel bel mezzo della festa. Si è calato da un balcone, ma gli uomini dell’arma avevano già circondato l’edificio, controllando nel contempo la situazione dall’alto grazie all’elicottero. Sul pregiudicato pendono due ordini di carcerazione: per il primo dovrà scontare 6 anni e 11 mesi per associazione di tipo mafioso e per il secondo 4 anni e 5 mesi per estorsione aggravata da finalità mafiose. Dopo le formalità di rito è stato tradotto in carcere.