Guai per il neomelodico Raffaello: sparò in un ristorante ferendo un cameriere

Guai per il neomelodico Raffaello: sparò in un ristorante ferendo un cameriere

Il cantante fece fuoco contro un gruppo di pregiudicati che gli aveva sottratto il microfono durante un’esibizione


NAPOLI – Raffaele Migliaccio – in arte Raffaello – il prossimo 20 maggio si troverà davanti al Gup Barbara Del Pizzo che deciderà sull’eventuale rinvio a giudizio.

Il neomelodico è accusato di aver fatto fuoco – in un ristorante di Teverola – contro un gruppo di pregiudicati colpevoli, secondo le prime ricostruzioni, di avergli sottratto il microfono durante la performance. Negli attimi concitati della sparatoria, il cantante avrebbe ferito un incolpevole cameriere.

Questo episodio è emerso grazie alle indagini degli inquirenti sulle presunte “vittime” di Raffaello. Infatti, queste persone sarebbero vicine ad un sodalizio criminale attivo nella zona di Gricignano e durante le intercettazioni a loro carico, sarebbe saltato fuori questo episodio. In più – si apprende dalle indagini – il gruppo stava preparando una vendetta ai danni del cantante.