Marano, commozione e rabbia ai funerali di Enrico Pezzella

Marano, commozione e rabbia ai funerali di Enrico Pezzella

La bara bianca è stata accolta con commovente silenzio interrotto solo dalle urla strazianti dei familiari. Fuori la chiesa gli amici hanno installato una serie di palloncini bianchi che formavano il suo nome


MARANO – Si sono svolti questa mattina a Marano i funerali di Enrico Pezzella, il 25enne che è stato ucciso da un commando formato dall’ex suocero e da suo cognato. Alla cerimonia erano presenti tanti giovani, amici o semplici conoscenti, che si sono voluti stringere intorno al dolore della famiglia. Tanta rabbia per quello che è successo al giovane. “Era una morte che si doveva evitare”, ha dichiarato un suo amico.

La bara bianca è stata accolta con commovente silenzio interrotto solo dalle urla strazianti dei familiari. Fuori la chiesa gli amici hanno installato una serie di palloncini bianchi che formavano il suo nome. “Capigliotto” come era chiamato da tutti ha lottato per una settimana all’Ospedale “La Schiana” di Pozzuoli dove è morto venerdì scorso dopo l’agguato subito in strada a Marano una settimana prima (Leggi QUI).

Tanti i messaggi di cordoglio per la morte improvvisa del giovane che ha scosso l’intero paese. Anche il sindaco Angelo Liccardo ha dichiarato: “Profonda vicinanza alla famiglia di Enrico Pezzella. Queste tragedie colpiscono tutti. A nome mio e di tutta l’amministrazione comunale, le più sentite condoglianze”