“Mazzate al Cardarelli”, feriti tre infermieri e un vigilantes dal parente di un malato

“Mazzate al Cardarelli”, feriti tre infermieri e un vigilantes dal parente di un malato

L’uomo ha perso le staffe a causa dei tempi di attesa troppo lunghi. Dopo il blitz del governatore De Luca la situazione continua a peggiorare


NAPOLI – Non si arrestano le polemiche intorno all’Ospedale Cardarelli di Napoli. Dopo il blitz effettuato la settimana scorsa dal governatore Vincenzo De Luca, la situazione di emergenza non solo non è cambiata, ma è anche peggiorata.

Ieri sera il parente di un paziente, infastidito dai tempi di attesa troppo lunghi, ha aggredito il personale medico. L’uomo – come testimoniato dal sindacalista della Uil Flp Salvatore Siesto – ha scaraventato le scrivanie contro il personale che gestisce i codici di emergenza, strappando i vestiti di un’infermiera. Poi si è scagliato contro i paramedici e i vigilantes presenti sul posto, bilancio: tre infermieri e un vigilantes feriti con un referto di 10-15 giorni.

Come detto in precedenza, la situazione del Cardarelli è peggiorata negli ultime tempi. In particolare la chirurgia d’emergenza, nei momenti di maggiore affluenza, vive una situazione drammatica: i pazienti sono costretti ad attendere nell’atrio e il personale è costretto a tenere le porte aperte per poter accogliere più ammalati possibile.