Microcamera ed auricolare per passare l’esame della patente, scoperto e denunciato

Microcamera ed auricolare per passare l’esame della patente, scoperto e denunciato

Il 30enne era già stato bocciato 4 volte. La polizia indaga per trovare chi, sotto compenso, lo aveva aiutato ad imbrogliare


CASERTA – La Polizia di Stato di Caserta ha denunciato D.L., 30enne di Maddaloni (CE), per falsità ideologica avendo utilizzato, durante la prova scritta per il conseguimento della patente di guida presso la Motorizzazione Civile di Caserta, congegni elettronici per comunicare all’esterno.

Gli uomini della Squadra Mobile, a seguito di una mirata attività investigativa, hanno individuato, in sede di esami  teorici per il conseguimenti della patente di guida presso la Motorizzazione Civile di Caserta, il giovane uomo che durante la prova aveva assunto un posizione sospetta dinanzi al monitor  con movimenti del busto tali da far sospettare che avesse indosso una telecamera.

In sede di controllo D.L. posto dinanzi all’evidenza dei fatti, ha consegnato agli agenti la  propria camicia che presentava una  microcamera inserita in uno dei bottoni ed un congegno elettronico con antenna e batteria, mentre nell’orecchio destro occultava  un minuscolo auricolare munito di relativa antennina.

D.L. aveva tentato, per ben 4 volte, di conseguire la patente di guida senza riuscirvi. Dopo l’ ultimo,  vano, tentativo, era stato avvicinato da un uomo che gli aveva proposto di aiutarlo, dietro compenso, a raggiungere il risultato.

Il giorno convenuto D.L. era stato munito di tutta l’apparecchiatura necessaria  per consentirgli di indicare le risposte corrette attraverso l’inquadratura delle domande sul monitor di cui venivano fornite  le risposte esatte attraverso segnali convenzionali che gli giungevano mediante l’auricolare con un numero di vibrazioni corrispondenti alla risposta esatta relativa al quesito inquadrato dalla microcamera.

Il compenso sarebbe stato corrisposto all’esito positivo dell’esame. D.L. è stato denunciato mentre la microcamera e l’auricolare sono stati sequestrati. Proseguono le indagini per l’identificazione dell’uomo coinvolto nel disegno criminoso.