Omicidio Izzi, svolta nelle indagini: quattro arresti. Sono del clan Lo Russo

Omicidio Izzi, svolta nelle indagini: quattro arresti. Sono del clan Lo Russo

L’uomo fu ucciso mentre stava per tornare in carcere dopo un permesso premio


NAPOLI – Svolta nelle indagini sull’omicidio di Pasquale Izzi, l’uomo ucciso poco più di due settimane fa sotto casa, mentre si accingeva a tornare nel carcere di Bellizzi dopo il permesso premio che gli era stato concesso per trascorrere le festività di Pasqua in famiglia. L’attentato in via Janfolla, nel quartiere Miano.

Izzi fu raggiunto da dieci colpi di pistola esplosi dai killer che lo freddarono davanti agli occhi del cognato e dei passanti. Diverse le ipotesi sull’agguato mortale, ora arrivano i primi arresti: sono quattro persone affiliate al clan Lo Russo, tutte fermate dalla squadra mobile della Polizia di Napoli. Si tratta di Carlo Lo Russo, 49 anni, attuale reggente del clan; di sua moglie Anna Serino, 46 anni; Luigi Cutarelli, 21enne esecutore materiale dell’omicidio, e Mariano Torre, 28 anni. Secondo gli investigatori il movente del delitto sarebbe collegato a vecchi rancori che Carlo Lo Russo aveva nei confronti di Pasquale Izzi.

LEGGI ANCHE: 

Ucciso sotto casa, le ipotesi