Pasquale Caterino sarà tenuto in vita ancora per poche ore, poi saranno donati gli organi

Pasquale Caterino sarà tenuto in vita ancora per poche ore, poi saranno donati gli organi

Come comunicato dalla famiglia alla nostra redazione, la decisione di donare gli organi è frutto della volontà dello stesso centauro, espressa da tempo, e dei suoi cari. L’uomo ha una figlia di 7 mesi


POZZUOLI – Sarà tenuto in vita ancora per alcune ore, sperando in un miracolo, Pasquale Caterino, il 43enne rimasto vittima dell’incidente in moto che è già costato la vita al giuglianese Mario Muzzillo qualche giorno fa sulla circumvallazione. L’uomo, per i quali i medici non danno più speranze, è stato dichiarato cerebralmente morto e resterà attaccato ai macchinari ancora per poco, dopodichè si procederà con l’espianto degli organi. Pasquale sarà poi probabilmente sottoposto all’autopsia presso il Policlinico di Napoli.

In vita, il 43enne, aveva espresso il desiderio, nel caso fosse capitata una disgrazia, di donare i propri organi. La sua famiglia asseconderà la sua volontà e compiendo un ultimo gesto d’amore donerà la vita ad altre persone, nel ricordo di Pasquale.

La nostra redazione ha poi raccolto lo sfogo di un cugino di Pasquale, che si è detto deluso perchè in pochi sono stati vicini alla famiglia e all’uomo in questi giorni difficili. “A Giugliano pare che ora tutti gli volessero bene ma in pochi sono venuti qui in ospedale – ha dichiarato il cugino –  quando Pasquale avrebbe avuto bisogno di una opportunità di riscatto sociale nessuno gliel’ha offerta”,