Preso rapinatore seriale di gioiellerie, uno dei suoi complici viveva nel campo rom di Giugliano

Preso rapinatore seriale di gioiellerie, uno dei suoi complici viveva nel campo rom di Giugliano

L’uomo, un rom di 42 anni, è stato fermato a Castel Volturno. Il complice è sfuggito perchè all’estero


CASTEL VOLTURNO – Era a capo di una banda specializzata in furti nelle gioiellerie, arrestato uomo di 42 anni. L’uomo, di etnia rom, è stato fermato stamani dalla polizia a Castelvolturno. Durante la perquisizione gli agenti hanno trovato un foglio di carte su cui erano annotate tutte le gioiellerie rapinate ed ubicate in diverse città della Campania. E’ sfuggito all’arresto, perchè all’estero, un altro uomo che vive all’interno del campo nomadi di Giugliano.

Le indagini sono cominciate dopo un furto in un gioielleria di Potenza, avvenuto lo scorso 28 gennaio. In quell’occasione i malviventi seguirono la proprietaria dell’esercizio commerciale fino a casa, le rubarono le chiavi del negozio di notte che svaligiarono in pochi minuti, portando via monili e gioielli per un valore di cento mila euro.

Per le indagini fondamentali sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza, installate in alcune delle gioiellerie rapinate. La polizia indaga ora per identificare gli altri componenti della banda.