Usura, estorsione ed altri reati finanziari: 6 arresti nel casertano

Usura, estorsione ed altri reati finanziari: 6 arresti nel casertano

I soggetti coinvolti appartengono al clan “Belforte” o “Mazzacane”. Sequestrati beni mobili ed immobili per un totale di circa 5 milioni di euro


MARCIANISE (CE) – Estorsione, usura, abusivismo finanziario, riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori, il tutto aggravato dall’utilizzazione del metodo mafioso. Con queste accuse, la scorsa notte, la Guardia di Finanza di Marcianise, assieme alla Direzione Distrettuale Antimafia, ha tratto in arresto 6 persone, individuate come componenti del clan camorristico “Belforte” o “Mazzacane”, attivo nella zona. Nell’ambito dell’operazione, denominata “Dynasty”, è stata rilevata una forte attività usuraia, perpetrata da 9 soggetti in tutto, con richieste di interessi notevoli ai “beneficiari” dei prestiti, con le vittime portate a grosse crisi finanziarie. Gli interessi, in alcuni casi, arrivavano addirittura al 120 %.

Oltre agli arresti effettuati, di cui 4 in carcere e 2 domiciliari, la GDF ha predisposto un ingente squestro di beni immobili, disponibilità finanziarie, quote societarie e beni mobili per un valore complessivo di circa 5.000.000 euro. Sono stati quindi complessivamente sottoposti a vincolo cautelare 14 immobili (tra cui due villette con piscina), 7 autovetture di pregio, quote di partecipazione in 4 società di capitali e 13 rapporti bancari.

Questi i 4 arrestati:

1. Maddalena Delli Paoli nata a Marcianise (CE) il 23.03.1971;

2. Eremigio Musone nato a Capodrise (CE) il 2.01.1973;

3. Roberto Trombetta nato a Casagiove (CE) il 18.09.1964;

4. Simmaco Zarrillo nato a Marcianise (CE) il 11.11.1992.

Questi i 2 destinatari degli arresti domiciliari:

5. Roberto Piccolella, nato a Caserta il 24.09.1976 e residente in Capodrise

(CE), in via Acconcia, n. 40;

6. Francesco Tammaro, nato a Napoli il 3.09.1962 e residente in Villaricca.