Continuavano a ritirare le pensioni dei parenti defunti, 16 sequestri

Continuavano a ritirare le pensioni dei parenti defunti, 16 sequestri

Oltre 200 mila euro il valore dei beni sequestrati. Controllate cinque mila posizioni previdenziali


NAPOLI – Sedici provvedimenti di sequestro, per oltre 200mila euro, sono stati notificati dalla Polizia a Napoli ad altrettante persone, che continuavano a percepire pensioni e indennità di loro parenti malgrado fossero deceduti. Una truffa all’Inps fermata  dopo gli accertamenti eseguiti dagli agenti del commissariato di Scampia e della Guardia di Finanza di Napoli.

Le persone a cui è stato notificato il decreto di sequestro (residenti a  Scampia, Secondigliano, Miano, Piscinola, San Pietro a Patierno e Casoria, in provincia di Napoli) sono accusate di non avere notificato il decesso dei loro congiunti proprio per continuare a incassare i soldi. Durante gli accertamenti sono state passate al setaccio oltre cinquemila posizioni previdenziali.