“La Città metropolitana e le zone omogenee” ieri incontro tra i sindaci a La Lanterna

“La Città metropolitana e le zone omogenee” ieri incontro tra i sindaci a La Lanterna

Cuore del convegno è stato il discorso sulle municipalità e sull’unione di queste. Presenti anche l’Onorevole Antonio Iodice e la parlamentare Giovanna Palma


VILLARICCA – Ieri all’Hotel Ristorante La Lanterna-Villa Maria si è svolto un convegno dove si è discusso di città metropolitana e zone omogenee. Il dibattito ha annoverato tra gli ospiti i sindaci e i rappresentanti delle sette città della provincia nord di Napoli.

Moderatore del convegno è stato Andrea D’Alterio, Presidente del Basket Giugliano. Ad introdurre il dialogo Luciano Curci, Presidente dell’Associazione sportiva Setteggiornisette, impegnato nella promozione e valorizzazione di tutto l’hinterland napoletano dal 1987, con iniziative sportive e culturali capaci di unire i comuni per portare avanti l’idea di “non fare nulla per uno, ma per tutti.”

Cuore del convegno è stato il discorso sulle municipalità e sull’unione di queste attraverso la legge della città metropolitana, la volontà è quella di creare sette zone omogenee che possano avere servizi in comune dai quali trarre lo stesso beneficio.

Ad intervenire al dibattito l’Onorevole Antonio Iodice, memoria storica di Giugliano, l’Onorevole Giovanna Palma, dando una spiegazione tecnica sulla legge Delrio che prevede la legittimazione della città metropolitana,  e i sindaci Venanzio Carpentieri di Melito, Ludovico De Luca di Qualiano e l’assessore allo sport Giulio di Napoli, delegato del sindaco Antonio Poziello.

“L’augurio è quello di creare tutte le condizioni per un riscatto e quindi per una propria ripresa d’orgoglio – dichiara l’On. Antonio Iodice – perché farci accusare di lassismo?

“Ci si augura un riequilibrio delle forze in campo, mettendo da parte interessi privati per poter sviluppare insieme il bene comune” – ha detto invece Ludovico De Luca, sindaco di Qualiano.

“Vorrei che si superasse la logica del campanile, la legge Delrio è utile ma pochi ne conoscono le accezioni positive – ha dichiarato il primo cittadino di Melito, Venanzio Carpentieri – Ci può essere un salto di qualità, ma bisogna prendere coscienza delle potenzialità delle nostre comunità”.

Conclude il dialogo l’assessore al Comune di Giugliano, Giulio di Napoli, lanciando la speranza di fare interventi sul territorio capaci di valorizzarlo.