Spaccio di droga e furti in appartamento: arresti dei Carabinieri nell’area nord

Spaccio di droga e furti in appartamento: arresti dei Carabinieri nell’area nord

In manette sono finiti spacciatori a Melito e Caivano mentre, per aver rubato in un’abitazione a Battipaglia, è finito ai domiciliari un 22enne di Casoria


AREA NORD – Numerosi gli arresti effettuati oggi dai Carabinieri. A  Melito di Napoli è finito in manette uno spacciatore che teneva la droga nascosta nel parafango dell’auto. I militari dell’aliquota radiomobile di Giugliano in Campania nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti Giovanni Accardi, un 43enne di Melito già noto alle forze dell’ordine che stava spacciando su via Lussemburgo. Dopo averlo notato a distanza i sono intervenuti bloccandolo. L’uomo aveva a disposizione 33 dosi di crack, 3 di cocaina, 19 di hashish, 7 di marjuana e contante per 180 euro, il tutto nascosto sotto il parafango posteriore di un’auto parcheggiata lì vicino, nascondiglio dal quale prelevava le sostanze man mano che occorrevano.
L’arrestato è in attesa del rito direttissimo.

A Casoria invece i carabinieri hanno arrestato un 22enne per un furto in casa commesso a Battipaglia. I militari della stazione di Arpino di Casoria hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in regime domiciliare emessa dal Gip di Salerno nei confronti di Dragan Jovanovic, 22enne residente a Casoria, già noto alle forze dell’ordine, per un furto in appartamento commesso a Battipaglia il 30 aprile scorso.

Ed infine a Caivano, al parco verde, i carabinieri della locale tenenza hanno arrestato un 33enne che deteneva ben 15 dosi di crack. A finire in manette, per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Giuseppe Marotta, di Limatola (BN), già noto alle forze dell’ordine.L’uomo è stato bloccato nel “parco verde” subito dopo che l’uomo aveva tentato di disfarsi di un involucro contenente 15 dosi di crack, poi sottoposte a sequestro.L’arrestato è ai domiciliari in attesa di rito direttissimo.