Gli avevano sequestrato la concessionaria: assolto dopo 10 anni di battaglie

Gli avevano sequestrato la concessionaria: assolto dopo 10 anni di battaglie

Il titolare della “Tamburrino Motors”, concessionaria di Parete, era accusato, assieme ai parenti, di intestazione fittizia di beni per conto del clan Bidognetti


PARETE – La fine di un incubo per il titolare di una concessionaria di auto e moto di Parete, in provincia di Caserta. Dopo una battaglia legale durata ben dieci anni, Luigi Tamburrino, proprietario della “Tamburrino Motors”, sita in in corso Vittorio Emanuele, è stato assolto dalle accuse di intestazioni fittizie di beni, riconducibili, secondo l’accusa, al clan camorristico dei Bidognetti. A causa di questo procedimento giudiziario, la concessionaria fu sequestrata nel 2009. La “Tamburrino Motors” risulta essere la prima società in Campania per la vendita di moto Honda. Dopo due processi di Appello è arrivata l’assoluzione. Inizialmente, come riportato da edizionecaserta.it, Luigi Tamburrino fu condannato a 4 anni ed 8 mesi di reclusione mentre due anni e mezzo sarebbero spettti ai parenti. Ieri, in Cassazione, la fine di un incubo per i titolari della concessionaria, in lotta con la giustizia dal 2006.