“Vola come una farfalla, pungi come un’ape”. Si è spento il leggendario Muhammad Ali

“Vola come una farfalla, pungi come un’ape”. Si è spento il leggendario Muhammad Ali

Cassius Clay vinse le olimpiadi di Roma, poi si convertì all’Islam e cambiò nome. Era affetto dal Parkinson


PHOENIX – Si è spento Muhammad Ali, uno dei più grandi pugili di tutti i tempi, arresosi al termine di una lunghissima battaglia con il morbo di Parkinson. Non solo leggenda dello sport, Ali è stato icona politica e religiosa, sin da quando decise di sposare la causa dell’Islam e dei neri d’America, cambiando anche il suo nome che all’anagrafe era Cassius Marcellus Clay.

Nato a Louisville, Kentucky, nel 1942, come Cassius Clay vinse la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma nel 1960 nella categoria mediomassimi. Poi il passaggio al professionismo e – nel 1964 – il titolo di campione del mondo strappato al connazionale Sonny Liston e, il giorno dopo, la conversione ufficiale all’Islam con il conseguente cambio di nome. Ali difese il titolo numerose volte, ma fu poi sospeso poiché si rifiutò di andare a combattere in Vietnam. Alla ripresa dell’attività agonistica conobbe la sua prima sconfitta contro Joe Frazier, che nel frattempo aveva conquistato il titolo reso vacante, per poi perderlo contro George Foreman.

Fu proprio contro Foreman che Ali disputò l’incontro più famoso della storia della boxe, nell’ottobre del ’74 a Kinshasa, nello Zaire, dove tutto il pubblico si schierò dalla sua parte con il celebre coro “Ali boma ye”, cioè “Ali uccidilo”. Muhammad Ali vinse per KO all’ottava ripresa, davanti a centomila persone in delirio in un match che – per esigenze televisive – cominciò alle cinque di mattina.

Dopo un primo ritiro dall’attività, Ali combattè fino al 1981, quando la sua leggendaria velocità era oramai scemata forse proprio a causa dei primi sintomi della malattia, una malattia di cui tutto il mondo si accorse definitivamente quando con mano tremante Ali portò la fiaccola olimpica ad Atlanta 1996. Se n’è andato ieri, all’età di 74 anni.