Estorsione, per conto del clan dei casalesi, ai danni di un imprenditore: due arresti

Estorsione, per conto del clan dei casalesi, ai danni di un imprenditore: due arresti

I fatti risalgono al 2014. Ai domiciliari un uomo di Frattamaggiore, in carcere un altro di Cesa


BENEVENTO – SUCCIVO – I Carabinieri della Sezione Operativa del Reparto Territoriale di Aversa, in Benevento e Succivo (Ce), hanno tratto in arresto Orazio Lettera, classe 1975, di Frattamaggiore (Na) ed Antonio Cristofaro, classe 1973 di Cesa (Ce), quest’ultimo in atto detenuto, destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Napoli – sezione GIP, poiché ritenuti responsabili del tentativo di estorsione compiuto nell’aprile 2014 ai danni di un 34enne imprenditore edile di Gricignano di Aversa (Ce), al quale, i due, si presentarono quali referenti del clan dei casalesi, fazione Bidognetti, gruppo Caterino–Ferriero, attivo nell’area del comune di Cesa (Ce), provando a farsi consegnare la somma contante di euro 15.000,00 (quindicimila), così come accertato, durante le fasi dell’indagine, dagli stessi militari dell’Arma. Lettera è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, mentre Cristofaro rimane presso il carcere di Benevento dove è detenuto per altra causa.