Giugliano, camorra: assente uno degli imputati, la sentenza contro i Mallardo slitta al 10 ottobre

Giugliano, camorra: assente uno degli imputati, la sentenza contro i Mallardo slitta al 10 ottobre

Michele di Nardo, per il quale, in primo grado, erano stati chiesti 8 anni, non è stato tradotto nella terza sezione della Corte d’Appello del tribunale di Napoli e pertanto la sentenza è rinviata


NAPOLI – GIUGLIANO – E’ rinviata al prossimo 10 ottobre la sentenza della terza sezione della corte d’appello del tribunale di Napoli nei confronti dei maggiori imputati del Clan Mallardo. A far slittare l’appuntamento la mancata traduzione in tribunale del detenuto Michele di Nardo (a destra in foto), accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Gli altri imputati erano tutti presenti in aula. Raffaele Mallardo (al centro in foto) è stato condannato, in primo grado, a 14 anni, 10 anni invece per Biagio Micillo, detto “o’chiacchiarone”, 8 anni e 5 mesi per Giuliano Amicone, 16 anni per Francesco Napolitano, 9 anni e 2 mesi per Marino Sessa, ed, infine, 8 anni per l’assente in aula, Michele Di Nardo. Le accuse, per tutti, sono di associazione a delinquere ed in alcuni casi anche di estorsione.