Scandalo al comune di Arzano: scatta l’arresto per una vigilessa

Scandalo al comune di Arzano: scatta l’arresto per una vigilessa

Sospesi dal servizio anche altri quattro dipendenti comunali


ARZANO – Questa mattina sono scattati gli arresti domiciliari  per Rosa Mastrocinque, 61 anni, in servizio presso il comando dei vigili urbani di Arzano. Inoltre, sono stati sospesi dal servizio per sei mesi il tenente dei caschi bianchi Vincenza Merolla, il vigile urbano Alfredo Sora,  57 anni, e il tecnico comunale Francesco Aruta, 60 anni.

La vigilessa Mastrocinque è stata accusata di aver realizzato un abuso edilizio: un sottotetto trasformato in abitazione. Al momento della verifica, due suoi colleghi e il tecnico comunale corrotti, hanno verbalizzato che quell’abuso fosse inesistente.

Ai quattro dipendenti comunali è stata notificata un’ordinanza per i reati di falso ideologico in atto pubblico, mentre a Rosa Mastrocinque  sono stati contestati anche i delitti di istigazione alla  corruzione e violenza o minaccia per costringere taluno a commettere un reato.

Il provvedimento è stato disposto  dal gip presso il Tribunale di Napoli Nord, su richiesta del pubblico ministero Giovanni Corona, della procura di Napoli Nord, diretta dal procuratore capo Francesco Greco,  ed eseguito dai carabinieri della locale tenenza, diretta dal tenente Germano Pecoraro. Al vaglio degli inquirenti, anche la brutale aggressione ad un secondo tecnico comunale, che invece aveva relazionato l’avvenuto abuso.