Terremoto, i vigili di Giugliano sui luoghi del sisma in azione contro lo sciacallaggio

Terremoto, i vigili di Giugliano sui luoghi del sisma in azione contro lo sciacallaggio

Contro gli sciacalli attivate squadre di controllo a cui parteciperanno anche gli agenti di corso Campano


GIUGLIANO – Ci saranno anche i vigili urbani di Giugliano sui luoghi disastrati dal terremoto. Due agenti della Polizia Municipale partiranno alla volta di Amatrice e comuni limitrofi e presteranno servizio per l’intera giornata di venerdì con compiti vari, dalla viabilità all’ordine pubblico con particolare attenzione agli sciacalli. Torneranno alla base il giorno successivo, in attesa di un’altra chiamata quando verrà predisposto per loro anche un alloggio per la notte.

Contro gli sciacalli attivate squadre di controllo. Non solo il lavoro straziante di scavare tra le macerie e coordinare gli aiuti. Parte dell’attenzione delle forze dell’ordine intervenute in queste ore nei paesi colpiti dal sisma è direzionata anche nel prevenire eventuali incursioni dei cosiddetti ‘sciacalli’. Persone che, magari fingendosi volontari accorsi per dare una mano, ne approfittano di distruzione e dolore per derubare ciò che resta nel cuore di case sventrate, abbandonate in fretta e furia per sfuggire al terremoto. Nelle scorse ore sono stati infatti segnalati alcuni tentativi di sciacallaggio.

La Polizia municipale di Giugliano sui luoghi del terremoto. Giovedì prossimo il sindaco Antonio Poziello firmerà la deliberà che permetterà ai due agenti di partire il giorno successivo e arrivare nei luoghi colpiti dal terremoto per mettersi a disposizione con interventi relativi alle proprie competenze, come il controllo del territorio “anti sciacallaggio”. Con loro caschi bianchi provenienti anche da altri comuni formeranno una task force di tutela per il territorio.

Tentativi di sciacallaggio già accertati. Fingendosi giornalisti o appartenenti alle forze di polizia alcuni uomini hanno tentato di entrare nelle case danneggiate dal sisma e portare via oggetti di valori lasciati incustoditi. A segnalare alcuni casi verificatisi nelle zone colpite dal sisma è il Comando provinciale di Rieti della Guardia di finanza. In un caso, segnalato da una donna, alla richiesta di esibizione del tesserino di riconoscimento, due persone si sono date alla fuga. Due presunti giornalisti invece cercavano la villa di Lotito.