Napoli, si apre l’asfalto in zona ospedaliera: traffico in tilt

Napoli, si apre l’asfalto in zona ospedaliera: traffico in tilt

L’episodio è quasi certamente legato al violento nubifragio che s’è abbattuto ieri sulla città


NAPOLI – Il violento nubifragio che s’è abbattuto ieri su Napoli, che ha reso necessari oltre 100 interventi dei Vigili del Fuoco per allagamenti di strade, negozi e scantinati, alberi caduti, ha causato notevoli danni anche nella zona ospedaliera, precisamente in largo Cangiani, l’incrocio dove confluiscono via Leonardo Bianchi, via Mariano Semmola, via Domenico Montesano e via Gabriele Jannelli. Come riportato da ilmattino.it in via Leonardo Bianchi, nel tratto d’intersezione con largo Cangiani, l’asfalto della strada ha ceduto provocando un pericoloso squarcio che ha costretto i Vigili del Fuoco a chiudere una corsia di marcia.  L’interdizione al transito per gli autoveicoli sta provocando, in queste ore,  moltissime difficoltà al traffico.  Ricordiamo che quella zona supporta la maggior parte del flusso veicolare proveniente dagli ospedali Pascale, Cardarelli, Policlinico universitario, Mondaldi e Cotugno.

Un comunicato dell’assessore all’infrastrutture e mobilità del Comune di Napoli, Mario Calabrese aveva reso noto  che «il 22 settembre è fissato il giorno dell’inizio dei lavori per aumentare la capacità delle portate del sistema fognario nel tratto che attraversa Largo dei Cangiani, per ridurre il verificarsi di fenomeni di allagamento dell’area». Allagamenti che poi provocano cedimenti e voragini. Ma da lunedì prossimo, per ovvi motivi di sicurezza,  bisognerà intervenire  per evitare possibili disastri, considerate  le disastrate condizioni del manto stradale.  Ad ogni modo, l’amministrazione comunale, dovrà perlomeno attuare il nuovo dispositivo di circolazione studiato e mirato a ridurre i disagi e gli impatti sulla circolazione, che dalla prossima settimana tornerà più caotica che mai.

Foto: ilmattino.it