Nicola Barbato, il poliziotto che fu ferito in un agguato, è tornato a casa

Nicola Barbato, il poliziotto che fu ferito in un agguato, è tornato a casa

“Un esempio per tutti, lui e tanti altri uomini hanno rischiato e continuano a rischiare la vita per amore della verità” – dice l’Assessore Alessandra Clemente


NAPOLI – E’ tornato a casa Nicola Barbato, il poliziotto che fu ferito a Fuorigrotta in un agguato di camorra un anno fa nei pressi della stazione della cumana.  «Buongiorno! Finalmente Nicola è tornato a casa, accolto dai colleghi con una cascata di coriandoli. All’indomani del grave accaduto i napoletani si sono mobilitati. Abbiamo dato vita a una lunga catena umana intorno la Questura di Napoli e abbiamo denunciato quanto accaduto, pregato, atteso e sperato perché Nicola ce la facesse, perché Nicola eravamo tutti noi». A scriverlo, sulla sua pagina Facebook, l’assessore al comune di Napoli, Alessandra Clemente, che ha riepilogato così la vicenda: «Nicola Barbato è il sovrintendente della Squadra Mobile di Napoli che fu gravemente ferito da un camorrista durante una operazione antiracket sotto copertura il 24 settembre 2015 a Fuorigrotta. Rimase in coma per molto tempo, ma oggi dopo tanta fisioterapia eccolo qui. Un esempio per tutti, lui e tanti altri uomini hanno rischiato e continuano a rischiare la vita per amore della verità, per tutelare la cittadinanza e per non arrendersi alla prepotenza della camorra. Grazie all’Agente Lisa, canale Social della Polizia di Stato, per la condivisone di questa notizia, gioia per tutta la cittadinanza napoletana».

Foto: ilmattino.it