Scandalo all’ospedale di Aversa: primario lasciava il reparto per svolgere faccende private

Scandalo all’ospedale di Aversa: primario lasciava il reparto per svolgere faccende private

Insieme a lui sono stati coinvolti anche un operatore professionale sanitario e un operatore socio sanitario


AVERSA – Tre dipendenti dell’ospedale Moscati di Aversa sono stati sospesi con l’accusa di truffa aggrava e falsa attestazione della presenza sul posto di Lavoro. Si tratta di un dirigente medico, un collaboratore professionale sanitario e un operatore socio sanitario che abbandonavano ripetutamente l’ospedale durante il turno di lavoro per svolgere faccende private.

A notificare il provvedimento emesso dal gip del Tribunale di Napoli Nord sono stati i carabinieri con il supporto dei Nas di Caserta. Le indagini riguardano il periodo tra novembre 2015 e marzo 2016. Nella stessa indagine sono coinvolte altre persone a cui viene contestato il reato di omessa vigilanza.