60 milioni di euro per gli impianti sportivi: un’occasione da sfruttare anche a Giugliano

60 milioni di euro per gli impianti sportivi: un’occasione da sfruttare anche a Giugliano

La politica giuglianese continua a restare nell’ombra. I tifosi cercano di manterenre alta l’attenzione sul tema stadio, suggerendo, via social, la partecipazione ad un bando nazionale. E’ l’occasione giusta che potrebbe riportare in vita il De Cristofaro

@Saverio Nappo

GIUGLIANO – Dalla giornata di ieri, 5 ottobre 2016, è possibile richiedere un mutuo per la costruzione, ristrutturazione o ampliamento, di impianti sportivi. Possono beneficiarne tutti i comuni italiani, per somme che dipendono unicamente dal numero di abitanti registrati. È un’ occasione da non perdere per rimanere al passo con la modernità, per mettersi in pari con altre realtà o, quanto meno, per dare alla città e ai suoi cittadini uno spazio aggregativo importante e funzionale. Uno centro sportivo, un campo su cui allenarsi. Una casa per una squadra. Uno stadio, per la città.

Il De Cristofaro è oramai da rifare totalmente, dalle fondamenta
Il De Cristofaro è oramai un’ occasione persa

Potrebbe essere l’ occasione giusta per riportare in vita il De Cristofaro di Giugliano, oramai ridotto ad un vago ricordo dell’impianto bastevole e funzionale che fu. Poco importa se la modernità non prevede la presenza della pista per l’atletica leggera, tra campo e spalti. Con la concessione dei mutui da parte dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e l’Istituto per il Credito Sportivo (Ics), con il protocollo d’intesa sottoscritto il 14 luglio 2016, sarà possibile riportare anche quella ad uno stato utilizzabile e funzionale. Dei 60 milioni, 24 saranno destinati ad interventi realizzati dai comuni fino a cinquemila abitanti, 18 milioni per interventi nei comuni medi e dalle unioni dei Comuni ed altri 18 per i comuni capoluogo. Si legge, nel bando, che “ciascun mutuo potrà godere del totale abbattimento degli interessi sino all’importo massimo di 2 milioni di euro e l’eventuale quota di ciascun mutuo eccedente l’importo godrà di contribuzione negli interessi dello 0,70%”.

In città il malumore per questo tema è tangibile
In città, il malumore per questo tema è tangibile

Nel corso dell’ultimo anno, i cittadini e i tifosi hanno manifestato la loro insofferenza per lo stato attuale delle cose. Più che la mancanza di fondi e l’enorme difficoltà ad accedervi, quello che infastidisce letteralmente è il totale disinteresse, mascherato più volte da proclami senza alcun seguito concreto. Il tempo passa in fretta, sotto il sole. Il De Cristofaro cade a pezzi. Alcuni cittadini, tifosi, associazioni e politici -in forma privata-, hanno deciso, qualche mese fa, di bypassare l’assenza delle istituzioni e di passare in prima linea, a protezione di un bene comune dimenticato.

Tutto versa in uno stato di desolante abbandono, da anni
Tutto versa in uno stato di desolante abbandono, da anni

La mobilitazione è appena cominciata. Sensibilizzare una città dormiente su buona parte delle tematiche sociali non è cosa semplice. Ma questa volta, non c’è tempo da perdere, ne parole da sprecare. Il bando “Sport Missione Comune è un’ occasione da non perdere. C’è in gioco la credibilità politica, la volontà imprenditoriale, la progettualità economica. Investire nello sport significa investire nell’aggregazione sociale. Significa riaprire una delle arterie fondamentali che portano al futuro.