Andrea Ottaviano ucciso dai suoi cugini che gli tesero una trappola. La zia fu loro complice

Andrea Ottaviano ucciso dai suoi cugini che gli tesero una trappola. La zia fu loro complice

L’omicidio ebbe a maturare nell’ambito delle logiche interne al clan Mazzarella. I carabinieri hanno arrestato quattro persone, responsabili, a vario titolo, del reato di omicidio, con l’aggravante delle finalità mafiose e favoreggiamento personale


NAPOLI – Il 3.10.2016 la Direzione Distrettuale Antimafia ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli nei confronti di 4 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, del reato di omicidio, con l’aggravante delle finalità mafiose e favoreggiamento personale. In particolare, per due degli indagati, entrambi detenuti (MAZZARELLA Luciano e BARATTOLO Luciano) è stata disposta la custodia in carcere- e per altri due gli arresti  domiciliari.

A MAZZARELLA Luciano e BARATTOLO Luciano è contestato l’omicidio di OTTAVIANO Andrea, avvenuto I’11.06.2011, alle altre due indagate il reato di favoreggiamento personale per aver occultato le tracce del delitto subito dopo l’esecuzione dello stesso ed aver reso false dichiarazioni alla Polizia Giudiziaria.

La ricostruzione della vicenda, si legge neII’ordinanza, è stata possibile grazie alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, riscontrate dagli elementi acquisiti nell’immediatezza dei fatti.

L’omicidio ebbe a maturare nell’ambito delle logiche interne al clan  “MAZZARELLA”, ovvero come conseguenza dei dissapori ormai insuperabili sorti  tra  MAZZARELLA Luciano e il cugino OTTAVIANO Andrea, entrambi aspiranti a gestire le estorsioni alla “Duchesca” e “Forcella”. Infatti, MAZZARELLA, tornato sulla scena criminale a  seguito della sua scarcerazione, aspirava a riguadagnare la posizione detenuta prima di essere arrestato e dovette, perciò, fare i conti con OTTAVIANO Andrea, suo cugino, divenuto, nel frattempo, “responsabile” del mercato della Maddalena, succedendo al fratello Paolo nel ruolo di reggente del clan.

OTTAVIANO fu attinto da più colpi di pistola da MAZZARELLA Luciano nell’abitazione in uso a RIERA Mariarca (moglie di BARILE Salvatore, altro cugino di  MAZZARELLA Luciano e OTTAVIANO Andrea), ove era stato accompagnato da BARATTOLO  Luciano su disposizione di MAZZARELLA. La vittima, già ferita, dopo essere fuggita  in strada   era stata raggiunta ed attinta da altri colpi di pistola. Quanto alle altre due indagate poste agli arresti domiciliari (Riera Mariarca e Mazzarella Luisa), esse hanno fornito un reiterato ed efficace aiuto a sviare le indagini, adoperandosi anche a ripulire la scena del crimine dalle copiose tracce di sangue lasciate dalla vittima nell’appartamento e sul pianerottolo del palazzo, al fine di evitare ogni collegamento tra il delitto e Mazzarella Luciano.