Clan Mallardo, truffa falsi invalidi all’INPS: altri 3 scarcerati

Clan Mallardo, truffa falsi invalidi all’INPS: altri 3 scarcerati

Per loro è stata abolita la misura cautelare degli arresti domiciliari


NAPOLI – Tre persone, coinvolte a vario titolo nella maxi inchiesta sui falsi invalidi a Giugliano per conto del clan Mallardo, sono state scarcerate. Per loro è stata abolita la misura cautelare degli arresti domiciliari, si tratta di Rega Giuseppe, difeso dagli avvocati Falvia Russo e Matteo Casertano; Taglialatela Scafati Rosa, difesa dagli avvocati Matteo Casertano e Lo Russo Giovanni; e Santoro Domenico.
Il blitz condotto dalla Guardia di Finanza era scattato nelle scorse settimane e aveva coinvolto 86 persone, tra cui alcuni dipendenti o ex dipendenti comunali. Di queste persone, 33 sono ancora confinate ai domiciliari. Secondo gli inquirenti, il clan Mallardo aveva messo in piedi un sistema di truffa alla previdenza sociale per poter incassare false pensioni di invalidità.
Il sistema era gestito dal pentito Giuliano Pirozzi che attraverso le sue dichiarazioni ha permesso alle forze dell’ordine di smantellare un meccanismo che portava nelle casse del clan fiumi di denaro “pulito”.