Napoli, quattro arresti in circostanze diverse ed in varie zone della città

Napoli, quattro arresti in circostanze diverse ed in varie zone della città

Si va dalla violazione ripetuta dei domiciliari alla rapina del ciclomotore con la cosiddetta “tecnica del calcio”


NAPOLI – Quattro arresti a Napoli, in diverse zone della città e per diversi motivi. A seguito delle violazioni, a cui era vincolato in quanto sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata, Giancarlo Del Pozzo, pregiudicato di 41 anni, è stato arrestato dagli agenti del Commissariato della Polizia di Stato “Decumani”. L’uomo, infatti, secondo quanto disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, dovrà scontare 1 anno di casa di lavoro, come aggravamento alla misura a cui era sottoposto. In realtà il 41enne, dall’inizio dell’anno, ha commesso una serie di reati (furto aggravato, rapina, stupefacenti ed evasione) motivo per il quale, tra un arresto e l’altro, è stato dapprima sottoposto all’Obbligo di Presentazione alla P.G., poi sottoposto agli arresti domiciliari ed infine alla libertà vigilata. Avendo comunque continuato con una condotta molto discutibile, l’A.G. ha disposto la Casa di lavoro. I poliziotti hanno condotto il 41enne alla casa Circondariale di Poggioreale, a disposizione dell’A.G. che ne disporrà il trasferimento in una struttura idonea.

Giuseppe Imparato, pregiudicato di 28 anni, è stato arrestato dagli agenti del Commissariato di Polizia “Ponticelli”. Il 28enne, dal 18 ottobre scorso, era destinatario di un provvedimento per l’espiazione di 3 anni, 2 mesi e 6 giorni di reclusione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, in quanto riconosciuto colpevole dei reati di rapina e ricettazione. I poliziotti hanno arrestato l’uomo conducendolo alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Gli agenti del Commissariato di Polizia “Secondigliano” hanno effettuato il terzo dei quattro arresti ammanettando Gennaro Cosentino, pregiudicato di 58anni, conosciuto con il soprannome di “Rend Rover”. L’uomo, da ieri destinatario di un provvedimento di carcerazione, per un cumulo di pene, dovrà scontare 2 anni, 6 mesi e 4 giorni, per reati commessi in epoche diverse. I poliziotti hanno condotto il 58enne alla Casa Circondariale di Poggioreale.

 Nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania, in Via Romolo e Remo, hanno intercettato due giovani a bordo di altrettanti scooter. In particolare, il giovane a bordo di uno scooter Piaggio Beverly, veniva spinto con un calcio dal conducente dello scooter che lo seguiva. In considerazione del fatto che la cosiddetta “tecnica del calcio” viene utilizzata dai ladri di scooter, prontamente, gli agenti sono intervenuti. Il conducente che era in sella al motociclo Piaggio Beverly rubato, ha abbandonato in strada il mezzo, salendo in sella allo scooter condotto dal complice. E’ scaturito così un inseguimento, terminato allorquando il conducente del mezzo, perdendo il controllo della guida, scivolava sull’asfalto. Il passeggero riusciva a dileguarsi, mentre Gaetano Gallo, 19enne del Rione Traiano, è stato arrestato, perché responsabile del reato, in concorso, di furto aggravato. Processato con rito per direttissima, è stato condannato alla pena di 8 mesi di reclusione, con il beneficio della sospensione, oltre alla multa di €.400,00. Lo scooter sul quale viaggiava è stato sequestrato, mentre lo scooter rubato è stato riconsegnato al legittimo proprietario.