Napoli, sotto chiave il patrimonio del boss Zazo: sequestri anche a Giugliano

Napoli, sotto chiave il patrimonio del boss Zazo: sequestri anche a Giugliano

L’uomo è considerato dagli inquirenti un «soggetto di elevatissimo spessore criminale». Fu arrestato a Barcellona, in Spagna, nel gennaio 2009 dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli


NAPOLI – La Polizia di Stato, appartenente alla Divisione Anticrimine della Questura di Napoli, ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni emesso dal Tribunale di Napoli, ai sensi della normativa antimafia, nei confronti di Salvatore Zazo, 60 anni.

L’uomo è considerato dagli inquirenti un «soggetto di elevatissimo spessore criminale». Fu arrestato a Barcellona, in Spagna, nel gennaio 2009 dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli – con la collaborazione della Guardia Civil spagnola – con l’accusa di associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Zazo è inoltre considerato a capo dell’omonimo clan, emanazione del sodalizio criminale dei Mazzarella, che gestisce le attività illecite nel quartiere Fuorigrotta a Napoli.

Attualmente sta espiando la pena di 16 anni e 8 mesi in reazione ad una sentenza di condanna emessa dalla Corte d’Appello di Napoli, divenuta irrevocabile nel 2013, per il reato di partecipazione ed associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti con l’aggravante delle modalità mafiose.

IL SEQUESTRO

nr. 4 magazzini, ognuno di circa mq. 25 siti in Napoli alla via Giacomo Leopardi

-nr l magazzino di circa mq 40 sito in Napoli alla via Campegna

-Appartamento di 10,5 vani di circa 160 mq con sovrastante_attico-terrazzo e tavernetta sito in Napoli alla via Tiberio.

-Patrimonio aziendale e quote societarie della società ”ECOTECNO service s.r.l.”, con sede legale alla via Tiberio, che ha per oggetto sociale “l’attività di officina per autoriparazione, in particolare per i settori meccanica e motoristica, settore carrozzeria, settore elettrauto, settore gommista soccorso ACI, nonché di autorimessa, rimessaggio, autolavaggio, attività di ristorazione e di gestione bar”

-Patrimonio aziendale e quote societarie della società ”INES BAR di Zazo Salvatore & C., s.a.s.”,, con sede legale in via Campegna che ha per oggetto sociale” la gestione di bar, ristoranti, trattorie, pasticcerie, gelaterie e comunque la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, anche alcooliche e superalcooliche”

-Patrimonio aziendale e quote societarie della società ”EURO WOMEN SERVICES s.r.l.”, con sede legale in Napoli alla via Tiberio, cpe presenta un’unità locale nello stesso quartiere di Fuorigrotta, in piazzale Tecchio, all’interno della qual.e viene esercitata l’attività di bar-caffè con la denominazione di ”PIKACHU

-Quote societarie della società ”EUROIMPRESA s.r.l”. con sede legale in Piazzale Tecchio Viale Kennedy che ha per oggetto sociale” autorimessa ad uso pubblico con annesso parcheggio”

-Quote societarie della società” LA ROSA DEI VENTI s.r.l.” con sede legale in Giugliano in Campania (NA) alla via Ripuaria che ha per oggetto sociale ” la gestione di approdi, pontili e darsene, l’assistenza a mare dei natanti in avaria, il loro rifornimento, il deposito, il rimessaggio e la manutenzione e riparazione di barche, roulottes, autocaravan, carrelli per rimorchio e motori marini.

-Autovettura SMART tipo Fortwò Coupè

-Motoveicolo MV AUGUSTA tipo Brutale 800 cc Dragster

-Nr 15 rapporti finanziari intrattenuti presso vari istituti bancari

Il valore complessivo dei beni posti sotto sequestro ammonta a circa 3 milioni di euro.