Non c’è pace per Gigi D’Alessio. Dopo i debiti, adesso è accusato di rapina

Non c’è pace per Gigi D’Alessio. Dopo i debiti, adesso è accusato di rapina

Il prossimo 9 marzo dovrà comparire davanti al giudice di Roma per difendersi dalle accuse


NAPOLI – Gigi D’Alessio dovrà comparire in aula come imputato nel processo in cui è accusato di rapina in concorso con un suo collaboratore. Lo hanno deciso i giudici del Tribunale di Roma. Il cantautore sarà ascoltato in aula il prossimo 9 marzo. La vicenda per la quale D’Alessio è stato rinviato a giudizio risale al 2007.

Il cantante, insieme ad un suo collaboratore, si appropriò delle macchine fotografiche di due ‘paparazzi’ che stazionavano davanti alla sua abitazione a Roma. Ieri l’udienza del processo ha visto la testimonianza di uno dei due fotografi a cui è stata sottratta l’attrezzatura.

La vittima ha risposto alle domande del pm e si è giustificato dicendo che si trovava, cosi come il suo collega, nella zona solo per fare foto a D’Alessio quando sarebbe uscito in strada e che non c’era alcuna intenzione di fare foto illecite, anche se in quel periodo si parlava del possibile rapporto tra il cantautore e Anna Tatangelo, diventata poi effettivamente la sua compagna.