Rischio eruzione Vesuvio, Napoli senza un piano di emergenza

Rischio eruzione Vesuvio, Napoli senza un piano di emergenza

Il Comune ha difficoltà ad individuare vie di fuga sicure


NAPOLI – Pericolo Vesuvio, il Comune di Napoli è ancora senza piano di emergenza per la Protezione Civile. Il piano, secondo il vicesindaco Del Giudice, quasi pronto, sebbene manchino ancora diversi dettagli.

Al momento tuttavia non c’è ancora nulla di concreto, così se si dovesse verificare un’emergenza Napoli e i suoi cittadini non saprebbero come affrontarla. Un paradosso se si considera che la città partenopea si trova letteralmente tra due fuochi.

Da un lato il Vesuvio che minaccia i quartieri di San Giovanni, Barra e Ponticelli e dall’altro i Campi Flegrei che vengono considerati pericolosi per altri dieci quartieri della città inseriti nella zona rossa: Soccavo, Pianura, Bagnoli, Fuorigrotta, Posillipo, Chiaia, San Ferdinando, e anche ampie porzioni di Arenella, Vomero, Chiaiano.

Il vero problema, a sentire Del Giudice, è che il Comune ha delle serie difficoltà ad individuare via di fuga e zone di sicurezza per la conformazione morfologica della città.