Campi Flegrei, il piano “beffa” della protezione civile: gli evacuati in Umbria e Marche

Campi Flegrei, il piano “beffa” della protezione civile: gli evacuati in Umbria e Marche

In caso di eruzione oltre 60 mila persone sarebbero evacuate nelle zone colpite dal terremoto


HINTERLAND – Rischio eruzione Campi Flegrei, il piano beffa della protezione civile prevede l’evacuazione degli sfollati nelle Marche e in Umbria, le due regioni maggiormente colpite dal terremoto. Secondo il piano, pubblicato ad Agosto sulla Gazzetta Ufficiale, sono oltre 60 mila le persone che sono destinate nelle zone appena colpite dal sisma. Tra questi gli abitanti di Bacoli e Monte di Procida che verrebbero evacuati rispettivamente in Umbria, Marche, Molise e Abbruzzo.

Un piano, quello della protezione civile, che visti gli ultimi eventi sismici che hanno colpito tutto il Centro Italia, andrebbe immediatamente modificato. A sostenerlo anche il geologo Franco Ortolani: “Gli eventi sismici ancora in atto tra Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria evidenziano che occorre una attenta riflessione su piani già licenziati per i Campi Flegrei. Ovviamente devono essere eliminati i Comuni interessati dai terremoti ancora in atto. Può accadere che in futuro anche altri Comuni possano essere interessati da calamità. E’ stata valutata questa eventualità? Se non è stato fatto si devono prendere in considerazione non singole località dove trasferire gli abitanti flegrei ma almeno un paio di aree”.